Picchia la compagna e sperona il suocero con l’auto: trentaduenne finisce in carcere

Condividi articolo:

Una spirale di violenza nei confronti della compagna e del padre di lei quella cui ha messo fine la Polizia del Commissariato di Omegna, che ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un cittadino italiano di 32 anni.
L’uomo è stato ritenuto colpevole di reiterati maltrattamenti nei confronti della donna, emersi nel mese di febbraio quando la vittima è riuscita a trovare il coraggio di denunciare, dopo un crescendo di violenze e minacce, anche nei confronti del padre di lei.
Nell’ultimo episodio, il trentaduenne a bordo della sua auto, ha compiuto una manovra spericolata, ha speronato la macchina dell’uomo, lo ha trascinato fuori dall’abitacolo e lo ha colpito con pugni alla testa e al volto. Dopo, è fuggito.
Un quadro ritenuto inaccettabile dagli inquirenti. Al termine delle indagini, l’autorità giudiziari ha emesso l’ordinanza di custodia cautelare e i poliziotti lo hanno accompagnato in carcere.

Articoli correlati