La Lega dice no alla candidatura del sindaco domese alle regionali. Pizzi ribatte : “Mai pensato di lasciare il Comune”

Condividi articolo:

La Lega è contraria alla candidatura di Lucio Pizzi alle elezioni regionali. A intestarsi la battaglia politica è il segretario provinciale Enrico Montani. Il suo pensiero lo ha ufficializzato con un comunicato inviato a metà mattina a redazioni di tv e giornali.
L’assunto dal quale il leghista è partito nel suo ragionamento sono le indiscrezioni avanzate dai soliti ben informati rispetto alla richiesta avanzata dal governatore Alberto Cirio affinché il sindaco domese possa far parte della sua lista in vista del voto di giugno. La Lega insomma mette le mani avanti e avverte : “La presenza di Pizzi o di uno della sua lista nel cammino delle regionali è a noi sgradita”. Montani si spinge oltre arrivando a definirla “inaccettabile”.
“Pizzi – aggiunge il leghista – è il sindaco che ha isolato da tutto e tutti la città di Domodossola, è colui il quale si è presentato alle ultime elezioni comunali accompagnato dallo slogano “lontano dai partiti”, è chi, ancora, ha cavalcato l’anti politica per accaparrarsi facili consensi e pontificare. Adesso che mancano pochi mesi all’appuntamento elettorale, gli risulta comodo far sapere che si candiderebbe volentieri a fianco del governatore Cirio?” chiede.
Questione che deve aver divertito il sindaco domese che interpellato in materia ha però ribadito fedeltà al suo mandato amministrativo : “Ho un impegno con la nostra città che amo profondamente e lo porterò a compimento fino alla fine”. Per Pizzi nessun mandato che sia incompatibile con la carica di sindaco è da prendere in considerazione. Nessuna indicazione arriva però rispetto alla candidatura di persone a lui vicine. La Lega è stata chiara lanciando un segnale preciso agli alleati. Comunque finisca il match è indubbio possa essere l’occasione per le parti per misurarsi sul campo ( elettorale) e chiudere una partita iniziate nell’estate 2021.

Articoli correlati