Due truffatori denunciati dai Carabinieri nei giorni scorsi nel Vco

Condividi articolo:

Ancora due truffatori scoperti e denunciati dai carabinieri del comando provinciale. Il primo caso riguardava l’annuncio della vendita di un’auto su una piattaforma online. La vittima, residente in provincia, aveva risposto all’annuncio. Dopo aver contattato il venditore, aveva versato settemila euro su una postepay, ma quest’ultimo è sparito nel nulla.
I carabinieri della Stazione di Premosello Chiovenda, ricevuta la denuncia, hanno identificato l’autore dell’inserzione, un quarantenne residente nel bresciano, che è stato così denunciato.
Nel secondo caso, invece, una donna classe 1991, residente in Campania, ha contattato la vittima fingendosi un’operatrice di Poste Italiane, ed era riuscita a farsi accreditare un bonifico di circa 1.200 euro. Anche per lei è scattata la denuncia.
Due le persone arrestate durante questo periodo di feste. Il primo è un 39enne residente in Ossola, portato in carcere dai Carabinieri di Domodossola a seguito dell’ordinanza di aggravamento della misura cautelare degli arresti domiciliari, emessa dal Tribunale di Verbania. L’uomo, ai domiciliari dalla fine dello scorso ottobre per reati legati allo spaccio di stupefacenti, era stato denunciato più volte per evasione. Pochi giorni prima di Natale è stato prelevato dalla propria abitazione e portato in carcere a Verbania. Un altro arresto, questa volta dai Carabinieri di Omegna, è stato compiuto la notte di Natale, quando i militari sono stati chiamati in un locale del capoluogo cusiano per una lite. Durante le fasi di identificazione, un uomo, classe 1987, residente in provincia, senza alcun motivo apparente ha iniziato ad inveire contro i militari, insultandoli e minacciandoli, arrivando a liberare dal guinzaglio ed aizzare contro di loro il proprio cane, un american staffordshire. I Carabinieri sono comunque riusciti ad immobilizzarlo e portarlo in caserma, dove è stato dichiarato in arresto per violenza, resistenza, minaccia ed oltraggio a pubblico ufficiale, e, su disposizione del magistrato di turno, messo ai domiciliari.
Un’altra persona è stata invece denunciata dai Carabinieri di Gravellona Toce per aver colpito alla testa con un bastone un corriere. L’aggressore si è giustificato dicendo che era stanco di vedere il muro della propria abitazione danneggiato da camion e furgoni che passavano davanti a casa sua.

Articoli correlati