Arrivate le delegazioni per il G7 di Stresa. Scattata la zona rossa. Domani i tavoli

Condividi articolo:

Blindata una parte della città di Stresa, da oggi è scattata la zona rossa per il G7 dell’economia nel tratto di lungolago tra l’Hotel des Iles Borromees che ospita i lavori e il Regina Palace dove trova spazio l’area per i media che arrivano da tutto il mondo per documentare il meeting. Zona gialla, con accesso riservato ai residenti, a monte dello stesso tratto.
Le delegazioni dei Paesi del G7 sono arrivate, invitate anche Mauritania, Brasile, India, Repubblica di Corea, Arabia Saudita. Atteso pure il ministro delle finanze ucraino.

Poca la gente in giro nella giornata di oggi, anche nel centro storico che lo ricordiamo è a libero accesso. Importante invece il presidio delle forze dell’ordine nelle zone rossa e gialla, ai check point di accesso, nel centro storico, nelle aree sensibili come quella della stazione.
Ricordiamo che il traffico sulla litoranea è garantito con una deviazione, non sono stati registrati problemi su questo fronte, solo qualche piccolo rallentamento causato dal transito e dalla manovra dei pullman.

Oggi per gli ospiti mini crociera alla volta di Santa Caterina del Sasso e cena di gala all’Isola dei Pescatori, domani e dopo i lavori di questo G7.
Venerdì mattina il benvenuto ufficiale alle delegazioni e la foto di gruppo, lavori all’Hotel des iles Borromees dalle 9.15 alle 17.30. Tra i temi di questa prima giornata di tavoli il futuro dell’economia globale, l’intelligenza artificiale, i paesi più vulnerabili, le iniziative per lo sviluppo. Al termine visita e concerto all’Isola Bella.

Una curiosità: accanto alla zona rossa, interdetto al pubblico anche il piazzale dell’imbarcadero di Stresa che in occasione del G7 ospita i mezzi delle forze dell’ordine e decine di Maserati che sono a disposizione degli ospiti del meeting per i loro spostamenti.

Articoli correlati