logo1

Il grande cuore di Elisa, anche fuori dalla corsa…

Prima promuove una racconta in crowfunding conle compagne di squadra per far si che i premi della Strade Bianche fossero più alti, poi sempre insieme alle compagne decide di rinunciare alla sua parte devolvendola a progetti sul ciclismo femminile: questa è Elisa Longo Borghini..

Nell’ambito dell’iniziativa di crowdfunding “equità nei premi per le donne del gruppo” Elisa Longo Borghini con le compagne di squadra della Trek-Segafredo ha fatto scattare una raccolta fondi con l’obiettivo di integrare il premio della Strade Bianche. Fino al 6 marzo sono stati raccolti oltre 26.000 euro. Su una raccolta di base di 20.000 euro i promotori avevano ipotizzato di destinare il 32 per cento alla vincitrice (pari a 6.400 euro); il 25 per cento alla seconda (5.000 euro) fino al 10 per cento della quinta classificata (circa 2.000 euro). Elisa però con un post sui social ha deciso di rilanciare così, donando la sua parte: “Sono onorata e commossa, come donna e come corridore – ha scritto la campionessa piemontese sulle sue pagine Social – che qualcuno abbia voluto donare dei soldi per supportare la causa di equità dei premi tra ciclismo femminile e maschile. Questa generosità è un attestato di fiducia, un bellissimo gesto di sostegno all’intero movimento femminile. Grazie, grazie di cuore. Per dare ancora più importanza a quest’azione, io e le mie compagne della Trek-Segafredo abbiamo deciso che la nostre quote di premio raccolte con il crowdfunding, a partire da quella destinata a me per la Strade Bianche, saranno accantonate e impegnate in favore di progetti per il ciclismo femminile. Decideremo presto come e dove spenderli, ma in questo giorno speciale anche noi vogliamo segnare un nuovo passo nella lunga e difficile strada dell’emancipazione femminile. Grazie ancora a tutti a quelli che hanno donato e buon 8 marzo a noi donne”.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa