logo1

La Vinavil Cipir parte bene in finale: battuta Bra

Non inganni il finale: è stata partita davvero dura, avvincente ed equilibrata per almeno 25’ la afida tra Vinavil Cipir e Abet prima del dominio ossolano negli ultimi 15’. E non sono mancati episodi di nervosismo, contatti e polemiche.

vinavilcipir

 

C’è il giusto clima al PalaRaccagni per il primo episodio della serie tra Vinavil Cipir ed Abet. E le due squadre, fin dalla palla a due, non deludono. Domo si presenta al suo pubblico con due magie da otto metri di Tommei, che però non scalfiscono gli ospiti, bravi a riprendere subito il bandolo della matassa con uno 0-9 che vale il sorpasso. Tommei però continua il suo show, trovando un’altra tripla per il 14-12. E’ un botta e risposta continuo in un’arena infuocata: Tarditi è immarcabile, ne mette 11 nel primo quarto e Bra torna avanti prima della risposta biancoblu per il 21-20 del 10’. Scappa via la squadra di casa nel secondo quarto: Tancredi Rotundo ci mette la consueta verve, penetrazioni vincenti e recuperi per il 27-22 siglato da Fornara in contropiede. Serroni comincia a mitragliare da ogni posizione come se non ci fosse un domani: cinque punti filati per il 32-24 che è il massimo vantaggio al 16’. Ma non è arrivata in finale per caso la squadra di coach Lazzari: 9-0, con Cortese mattatore e sorpasso sul 32-33. La Vinavil Cipir è tutta Serroni: l’ala abruzzese , tarantolata, regala giocate di classe purissima: altro break tutto suo ed al riposo Domo comanda per 40-37. Terzo quarto con due nuovi protagonisti: sono Antonietti ed Avanzini, che producono il primo vero strappo della partita. Serroni manda a bersaglio un altro dardo e la Vinavil Cipir scappa sul 51-40. Il clima diventa incandescente, perché in 2’ Piano ne stende due: prima Serroni, poi Fornara, che esce dal campo sanguinante in volto. Il PalaRaccagni è tutto in piede, Piano, in maniera davvero rivedibile, se la ride, ma gli dei del basket lo puniscono, perché dalla lunetta fa 0/2 dopo aver subito un antisportivo da Serroni. Nel finale di terzo periodo Tommei con una doppia penetrazione regala ai suoi un rassicurante più 17, 59-42. Ancora Tommei manda i titoli di coda nell’ultimo quarto: non c’è più storia, i due allenatori pensano già a gare due, ancora a Domodossola mercoledì alle 2030

 

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa