Rifiuti: Verbania ha saldato la fattura sospesa a seguito dei disservizi

Condividi articolo:

L’amministrazione comunale di Verbania ha saldato nei giorni scorsi la fattura sospesa nei mesi passati a seguiti dei disservizi denunciati dal sindaco Marchionini. Dal comune arriva l’aut aut a Conser Vco.
” Pulizia della città e raccolta rifiuti: in questi ultimi mesi centinaia le segnalazioni di disservizi di ConSer VCO a Verbania. Non è più tollerabile. È assolutamente indispensabile migliorare l’organizzazione aziendale. L’Amministrazione Comunale di Verbania dice No ad aumenti sconsiderati delle tariffe.
Bastano i dati per capire: nei primi quattro mesi di quest’anno la media delle segnalazioni a ConSer VCO per disservizi sulla pulizia e la raccolta rifiuti, inviate da cittadini e raccolte dall’Amministrazione (oltre a proprie segnalazioni) sono state circa 67 di media (259 in totale da gennaio ad aprile, contro le 110 del 2022 negli stessi mesi).
Da maggio 2023 in poi il numero è triplicato passando a una media da maggio ad ottobre di quasi 200 (!) segnalazioni mensili, con ad agosto ben 363 e a settembre 227. L’anno scorso nel 2022 erano state molte meno: ad agosto 30, a settembre 29 e negli stessi cinque mesi estivi circa 150″ spiegano da Palazzo di città.
L’amministrazione comunale lamenta ancora : ” Si registra, purtroppo, una differenza enorme tra 2022 e 2023 e che ogni giorno riscontriamo nelle proteste di cittadini e attività commerciali, che si lamentano di una qualità dei servizi dati da ConserVCO, in evidente enorme difficoltà. A queste si aggiungono le segnalazioni sulle problematiche di conferimento al centro di raccolta dei rifiuti del Plusc.
Non è da ora che il Sindaco e l’Amministrazione Comunale di Verbania segnalano insoddisfazione nella qualità di raccolta e spazzamento. Come dimostrato dai dati una situazione come quella negli ultimi mesi non è obbiettivamente accettabile con situazioni di sporcizia e, soprattutto, mancata raccolta nel porta a porta e passaggi di ritiro non effettuati nelle utenze. Una situazione non ammissibile soprattutto per una città turistica come la nostra.
È da molto tempo che insistiamo sulla necessità di migliorare l’organizzazione aziendale per ridurre costi e crescere nei servizi, con un bilancio in ordine, ma finora non si sono visti ancora passi positivi in questa direzione, come la mancata introduzione della “tariffa puntuale” dopo lo studio da noi fatto”.

Articoli correlati