Possaccio, un girone per risalire

Condividi articolo:

Una stagione non ancora compromessa, ci mancherebbe, ma comunque difficile sia da comprendere che da giudicare. Negli ultimi anni Possaccio aveva abituato bene pubblico e commentatori: sempre nei primi quattro posti al termine della stagione, sfide onorevolissime anche in Coppa Italia, belle soddisfazioni persino dei singoli nelle gare domenicali di prestigio.

 

E invece quest’anno il girone di andata è stato negativo: in 9 confronti due sole vittorie e appena un pareggio, il resto sono tutte sconfitte, alcune onorevoli, altre meno. Sette punti in graduatoria, penultimo posto: solo Santa Lucia Mister Energy ha fatto peggio, le altre otto stanno davanti.

 

L’ultima di andata ha visto 4 vittorie interne, tra cui quella di Giorgione Tre Villese a Castelfranco Veneto contro Possaccio (6 a 2) ed una fuori casa, di Santa Chiara ai danni di Caccialanza per 5 a 3. Le altre: Vigasio fa 7 a 1 contro Sant’Angelo Montegrillo, Mosciano fa 5 a 3 contro Kennedy di Nola, e Flaminio con lo stesso punteggio batte Santa Lucia Mister Energy. La classifica vede in testa Vigasio a quota 24, distanziate seguono Giorgione Tre villese a 18, Sant’Angelo e Santa Chiara a 14, poi Caccialanza a 13.

 

In Veneto poche sodisfazioni per i verbanesi: lo stesso Christian Andreani, comunque il migliore tra i suoi, ha dovuto alzare due volte bandiera bianca nei confronti del navigato Giuseppe D’Alterio nelle  sfide individuali. Giorgione veniva da due sconfitte di fila ed aveva il dente avvelenato. Soltanto due le vittorie negli otto incontri di sbatao scorso per gli uomini del presidente Mazzolini. Troppo poco.

 

Capitan Roberto Signorini, uno che non molla mai, ha sottolineato il cattivo momento del gruppo, suonando al contempo la carica: “Nessuno pensi che abbiamo mollato. Ricominciamo il campionato e prepariamoci a soffrire. Lo faremo, anche per dare continuità. Cominciando sabato da dove abbiamo terminato, ovvero ricevendo sui nostri campi la stessa avversaria veneta. E’ chiaro che vogliamo rifarci subito. Ma sarà necessario giocare meglio e con più grinta..”

 

Sulla stessa lunghezza d’onda il D.S. dei verbanesi Sergio Tosi: “Non occorre stravolgere alcunchè, come magari qualcuno pensa. Si tratta di riprendere non solo a giocar bene, cosa che a sprazzi abbiamo fatto anche in occasione di alcune sconfitte, ma di resettare sul piano della grinta e dell’entusiamo. Non siamo di certo i più scarsi, e lo dimostreremo.

 

Tra pochi giorni le prime risposte al quesito. Quale ? Si salveranno i nostri eroi a fine stagione ?

Articoli correlati