Orto verticale nel carcere di Verbania per il reinserimento lavorativo dei detenuti. Pranzo a sostegno dell’iniziativa

Condividi articolo:

Il carcere di Verbania oggi ha aperto al pubblico le sue porte per un pranzo speciale perché a prepararlo sono stati i detenuti della casa circondariale che frequentano i corsi di cucina, sala e pizzaiolo. Speciale anche perché è servito a raccogliere fondi e a presentare il nuovo progetto Semi di Libertà: un orto verticale in carcere per favorire l’inserimento lavorativo dei detenuti. Insieme con gli addetti ai lavori impareranno un mestiere che farà loro da ponte verso l’esterno e verso una nuova vita. Già attive le prime collaborazioni per la manutenzione di giardini. Sostegno all’iniziativa di Fondazione Comunitaria del Vco.
Sono diversi i progetti per la formazione e il reinserimento lavorativo attivi presso la casa circondariale verbanese.

Articoli correlati