“Le immagini dello spirito” , mostra di icone allestita fino al 5 maggio a Villa Giulia Verbania

Condividi articolo:

“Le immagini dello spirito” è il titolo della mostra allestita dal 30
aprile al 5 maggio 2024 a Villa Giulia sul lungolago di Verbania
Pallanza in cui sono esposte Le icone del laboratorio delle Suore
Rosminiane di Stresa. La mostra, patrocinata dalla Città di Verbania e
dall’Università della Terza Età del Comune, si inaugura martedi 30
aprile alle ore 16.30 con la presentazione “Un viaggio nell’arte delle
icone – L’importanza delle icone nell’arte cristiana” a cura di
Gabriella Prandi, docente di Storia dell’Arte. Le visite con ingresso
libero saranno aperte fino al 5 maggio con orario mercoledi 1, sabato 4
e domenica 5 maggio dalle ore 10.30 alle 12 e dalle 16 alle 18, giovedi
2 e venerdi 3 maggio dalle 16 alle 18.

Le icone esposte sono state eseguite da Suore Rosminiane che si dedicano
a questa attività artistica nel loro laboratorio iconografico di Stresa.
E sono loro stesse a illustrare la tecnica di queste rappresentazioni
sacre, il loro significato e il rito che accompagna la conclusione di
ogni opera. Come arte della Chiesa il cui apprendimento si basa sullo
studio e sulla copia di modelli antichi, l’iconografia non può essere
affidata ad una tecnica qualsiasi. Per la realizzazione si usano
materiali naturali, tavole di legno stagionato, tela di lino, disegno e
incisione su gesso perfettamente asciutto e levigato, doratura a bolo,
colori ad emulsione all’uovo, iscrizioni che devono nominare il
personaggio o la scena rappresentati. Ne deriva un’opera che è come una
finestra che introduce nel mondo dello spirito., una nobile espressione
di arte e di fede cristiana, un’immagine dell’invisibile, riflesso del
trascendente e del mistero di Dio. La bellezza dell’icona può essere
gustata soprattutto all’interno della chiesa con lampade che ardono,
dove esprime il linguaggio particolare racchiuso fatto di segni e
simboli la cui espressione va al di là di ciò che essi rappresentano in
sé. Appena completata dall’autore, prima della consegna o dell’uso per
la preghiera l’icona viene collocata tra fiori e benedetta dal sacerdote
con incenso e acqua.

Articoli correlati