Ganna nel 2024: pista, classiche, Giro e Olimpiadi.

Condividi articolo:

Ecco il 2024 di Filippo Ganna, stagione importante, stagione dai soliti tanti eventi da cerchiare col pennarello rosso. Il campione, che sarà ancora in forza alla Ineos Grenadier, inizierà molto presto il nuovo anno di corsa perché le prime pedalata arriveranno addirittura agli Antipodi, in Australia, sia su strada che in pista, con la partecipazione al Tour Down Under in programma dal 12 al 21 gennaio: pedalate importanti, al caldo, seguite poi dal legno del velodromo di Adelaide dal 2 al 4 febbraio per la prima prova di Nation’S Cup col quartetto, uscita necessaria in vista dell’estate olimpica. Da li poi andrà ad iniziare una stagione che nella sua prima parte andrebbe a ricalcare il 2023 con due classiche su tutte, anticipate dalla Tirreno Adriatico dal 4 al 10 marzo. Focus importante sulla Milano Sanremo di sabato 16 marzo, obiettivo importante visto il bel secondo posto dello scorso anno e subito dopo mirino sulla Parigi Roubaix di domenica 7 aprile, che lo scorso anno lo ha visto tra i protagonisti. Dopo, un nuovo salto in pista, sempre con la Nation’S Cup in Canada a Milton dal 12 al 14 aprile. Chiaro che l’appuntamento olimpico sarà il momento cardine dell’annata che sarà preparato al Giro d’Italia, un Giro duro ma non durissimo, che partirà dal Piemonte il 4 maggio per finire a Roma il giorno 26, un Giro grandi firme visto che lo correranno gente come Pogacar e Van Aert. Qui Pippo potrà affinare la preparazione aiutando il capitano Geraint Thomas, cercando qualche successo parziale e puntando alle cronometro di Perugia e Desenzano. Niente Tour de France che parte dall’Italia con le tappe Firenze-Rimini, Cesenatico-Bologna e Piacenza-Torino, perché ai giochi di Parigi Pippo ha due obiettivi. Difendere l’oro di Tokyo nell’inseguimento a squadre al velodromo di S, Quentin En Yvelines e puntare forte sulla cronometro su strada del 27 luglio, disegnata su di un percorso completamente pianeggiante con partenza dalla Esplanade des Invalides e l’arrivo sul Ponte Alexandre III. Una grande sfida contro Evenepoel e non solo. Finita? No, la stagione poi continuerà magari con la Vuelta e di certo con mondiale di Zurigo a fine settembre ma per la seconda parte del 2024 ci sarà tempo per decidere.

Articoli correlati