Covid, il Piemonte chiede alle Asl open day per il vaccino

Condividi articolo:

La Regione Piemonte ha aderito alla richiesta del ministero della Salute di attivare iniziative per facilitare ulteriormente l’accesso dei cittadini alla vaccinazione ant-covid. La direzione regionale dell’assessorato, con il Dirmei e l’Azienda zero, sta inviando alle Asl, ai medici di medicina generale e ai farmacisti una circolare con le integrazioni delle indicazioni e le raccomandazioni. In particolare, la Regione chiede alle Asl di organizzare degli open day già nel periodo pre-natalizio: le iniziative potranno avvalersi del nuovo vaccino ricombinante adiuvato Nuvaxovid autorizzato per l’immunizzazione dei soggetti di età pari o superiore a 12 anni. “Il Piemonte prosegue il suo impegno nella campagna vaccinale e si conferma in prima linea nella capillarità che viene offerta a chi vuole vaccinarsi, grazie al coinvolgimento di medici di medicina generale, delle farmacie che sono già protagonisti da tempo della campagna vaccinale del Piemonte, come per altro auspicato ieri dalla cabina di regia nazionale. Abbiamo chiesto alle Asl di organizzare nei prossimi giorni open day per aumentare la copertura vaccinale che, non ci stancheremo mai di ricordarlo, è fondamentale soprattutto per le persone più anziane e fragili” dichiarano il presidente della Regione Alberto Cirio e l’assessore alla Sanità Luigi Icardi. La campagna autunnale/invernale partita a metà ottobre ha registrato ad oggi la somministrazione di 96.231 dosi, con una media di circa 12.000 dosi a settimana. Attualmente sono in giacenza 16.000 dosi e altre 8.700 sono in arrivo. Inizialmente rivolta alla fascia di popolazione sopra i 60 anni e alle persone con elevata fragilità a rischio di complicanze, la campagna di vaccinazione contro il Covid, su richiesta della Regione, è stata estesa dal 23 novembre a tutta la popolazione. Nelle scorse settimane la Regione ha attivato anche la modalità di prenotazione tramite piattaforma, che aveva caratterizzato le precedenti campagne vaccinali, per offrire ai cittadini un ulteriore canale di accesso al vaccino.

Articoli correlati