Confermate le cinque Bandiere Blu sui laghi Maggiore e d’Orta. Per Cannero Riviera è la ventesima

Condividi articolo:

Si confermano le 5 spiagge lacustri del Piemonte nell’elenco – quest’anno 455 in tutta Italia, che possono fregiarsi della Bandiera blu, il riconoscimento internazionale della Fee (Foundation for Environmental Education). Tre sono nella provincia del Verbano-Cusio-Ossola: il lido di Cannobio, il lido di Cannero Riviera, Isolino a Verbania Fondotoce; due nel Novarese: Prarolo a S.Martino di Opaglio e il lido di Gozzano.
Per il ventesimo anno consecutivo Cannero Riviera (Vco) ha ottenuto il riconoscimento della Bandiera blu. “Venti anni consecutivi, dal 2005 ad oggi, rappresentano un grande traguardo, che conferma l’eccellenza turistica di Cannero Riviera e del suo noto lido, a contraddistinguere l’impegno di un piccolo comune che ha fatto della qualità dei servizi il suo punto di forza per la promozione del territorio”. Così il sindaco Federico Carmine, sottolineando che il riconoscimento viene “attribuito alle località balneari che non solo si distinguono per le spiagge e per le acque pulite, ma che rispettano anche i criteri di gestione sostenibile del territorio”.
Anche Verbania ha confermato la Bandiera blu conquistata lo scorso anno: “Siamo orgogliosi di questo riconoscimento e un grande grazie va agli operatori economici turistici locali che hanno lavorato in sinergia con l’amministrazione per ottenere quei parametri di qualità necessari per questo prestigioso risultato” il commento della sindaca del capoluogo, Silvia Marchionini.
Dal sindaco di Cannobio Gianmaria Minazzi un pensiero a tutti coloro che hanno contribuito a raggiungere il risultato: “E’ grande la soddisfazione per un riconoscimento che riempe di orgoglio tutta la comunità perché ci sono dei parametri molto complessi da rispettare. Da noi ci sono ben cinque punti di prelievo. E’ sempre difficile mantenere la Bandiera Blu e per questo ringrazio tutti coloro che contribuiscono con i diversi progetti, le scuole, la polizia, l’ottimo lavoro degli esercenti e di tutte le attività turistiche”.
Sul lago d’Orta confermate anche San Maurizio d’Opaglio e Gozzano.

Articoli correlati