Commettono un furto e poi chiedono indicazioni a un passante su come arrivare in stazione: arrestati dai Carabinieri

Condividi articolo:

Dopo il furto in una gelateria, biciclette al seguito, chiedono informazioni a un passante su come raggiungere la stazione ferroviaria. E’ finita con l’arresto l’avventura di due presunti ladri, di 66 e 54 anni, entrambi residenti nel milanese, arrestati ieri dai Carabinieri della Stazione di Stresa per furto aggravato in concorso.
Lo scorso 2 settembre il titolare di una gelateria di Stresa ha denunciato ai militari del luogotenente James Lui di aver subito un furto nel proprio locale. Ignoti erano entrati forzando una porta laterale e una volta all’interno hanno rubato circa 200 euro in contanti dal registratore di cassa. I Carabinieri di Stresa hanno subito avviato le indagini e attraverso le immagini delle telecamere di sorveglianza del locale e i rilievi effettuati dal Nucleo Investigativo del Comando Provinciale per ricercare eventuali tracce lasciate dai malviventi, sono arrivati ad un primo identikit dei ladri. Sulla base dei primi sospetti hanno stretto il cerchio su due persone già note e che già si erano rese responsabili di un furto ai danni di una struttura ricettiva di Baveno nel dicembre 2022.
Il confronto tra le fotografie dei soggetti e le immagini di videosorveglianza nonché con le tracce lasciate sul luogo del delitto hanno permesso ai militari di Stresa di identificare senza ombra di dubbio i malfattori. Altro particolare emerso durante le indagini è stato quello di un testimone che, venuto a conoscenza del fatto, si è presentato dai Carabinieri e ha riferito che la mattina in cui era stato perpetrato il furto, proprio nelle vicinanze del locale, era stato fermato da due persone, entrambe con bicicletta al seguito, che gli hanno chiesto indicazioni stradali per raggiungere la stazione ferroviaria. Il testimone, attraverso un’identificazione fotografica, ha quindi riconosciuto i sospettati già individuati dai militari, fornendo una ulteriore conferma. Raccolti tutti gli elementi, i due uomini, che annoverano diversi precedenti per reati contro il patrimonio, sono stati denunciati dai Carabinieri per furto aggravato in concorso, con la contestuale richiesta all’Autorità Giudiziaria di adozione di una misura cautelare nei loro confronti. Il Tribunale di Verbania, in base agli elementi raccolti nelle indagini, ha così emesso una ordinanza di custodia cautelare per i due, eseguita ieri mattina dagli uomini dell’Arma di Stresa, insieme ai colleghi della Compagnia di Legnano, che li hanno sottoposti ai domiciliari.

Articoli correlati