logo1

Monti: "Le province non hanno più ragione di essere, vengano chiuse con competenze e risorse trasferite ai comuni"

Casus belli la caduta di massi sulla strada provinciale per Colloro, a Premosello. "La protesta è legittima e ringrazio Monti come gli altri sindaci che stanno comprendendo la difficile situazione di questi anni" la risposta di Costa

colloro masso strada

 

<Le province non hanno più ragione di essere, vengano chiuse e competenze e risorse vengano trasferite ai comuni>. Così il sindaco di Premosello Monti che ha scritto una lettera infuocata all'ente del Tecnoparco. Casus belli è la caduta, già da qualche tempo, di massi di piccole-medie dimensioni lungo la provinciale per Colloro. Monti riferisce di aver segnalato il problema al settore viabilità provinciale che ha effettuato un sopralluogo, del quale però il Comune non ha mai saputo nulla. Lunedì una nuova caduta di massi, da qui la dura missiva di Monti che ricorda le responsabilità del gestore dell'arteria, <Una via non secondaria – spiega- a Colloro abitano persone, ci transita lo scuolabus, è uno dei principali accessi al Parco Val Grande e il 4 maggio ci sarà la festa Patronale> dice. Il sindaco spiega che i comuni non possono sempre sopperire alle mancanze di altri enti, <Ci siamo occupati anche del verde, con una spesa di 1200 euro> aggiunge. Parla di rapporti tra gli uffici che non funzionano, di percentuale sulla tassa rifiuti che in questo periodo la Provincia, come la legge prevede, sta chiedendo ai Comuni, a fronte di fondi che questi ultimi devono ricevere dall'ente del Tecnoparco da 4 anni- il riferimento è ai contributi sui patti territoriali (80 mila euro) con i quali è stata realizzata la strada per il centro sportivo.

<La protesta è legittima e ringrazio Monti così come altri primi cittadini che stanno comprendendo la difficile situazione di questi anni> la risposta del presidente del VCO Costa. Domani in consiglio provinciale l'ordine del giorno per inverventi di somma urgenza per circa 200 mila euro sulle strade di Pontemaglio, Caprezzo, Anzino, Macugnaga e Bognanco. Ma sono molte le strade – da Colloro alla Valle Strona- che necessiterebbero di interventi. <Sarebbero necessari 38 milioni di euro, gli ultimi lavori risalgono al 2011> dice Costa e aggiunge: <Un tempo per la manutenzione ordinaria delle strade in bilancio c'era 1 milione e mezzo di euro, dal 2012 solo 100-200 mila euro>. Lo stesso conclude che si sta lavorando perché la nuova amministrazione, dal 2019, possa trovare una situazione in via di normalizzazione grazie ad accordi economici con la Regione per ripristinare quei 4 milioni di euro (allora di canoni idrici) che venivano impiegati proprio per questi interventi.

Pin It

GUARDA LA TV LIVE

Ultime news

Sabato, 07 Dicembre 2019
Acceso l'albero di Natale a Pallanza
Sabato, 07 Dicembre 2019
Ottimo l'avvio di stagione sugli sci
Sabato, 07 Dicembre 2019
Droga: un arresto e una denuncia
Sabato, 07 Dicembre 2019
Sfere: i Presepi sull'acqua di Crodo

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa