logo1

Igor il 2-0 non basta, la Coppa Italia è di Conegliano

La Igor va avanti 2-0 con merito, subisce il ritorno di Conegliano e perde 3-2 al quinto set la finale di Coppa Italia al PalaEur di Roma di fronte al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, Lavarini: “Ottima prestazione ma non ancora sufficiente per superare Imoco”…

Due set perfetti e poi ancora oltre un’ora di lotta serrata per la Igor Volley, che però cede con minimo scarto nel tie-break la finalissima di Coppa Italia contro Conegliano a Roma davanti al presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Le azzurre, avanti 0-2, subiscono la rimonta delle venete che poi si aggiudicano il combattutissimo e decisivo quinto set per 15-13, conquistando così la loro quarta Coppa Italia. Conegliano in campo con Wolosz in regia ed Egonu in diagonale, De Kruijf e Folie centrali, Plummer e Sylla schiacciatrici e De Gennaro libero; Igor con Karakurt opposta a Hancock, Bonifacio e Chirichella al centro, Daalderop e Bosetti in banda e Fersino libero. Perfetto l’approccio al match delle azzurre, che si portano subito 1-5 con due ace di Hancock e una diagonale di Karakurt, prolungando poi il break con il 4-10 di Bosetti a rete che costringe al timeout Santarelli. Dentro Courtney per Plummer ma Novara mantiene la leadership con il primo tempo di Chirichella (9-16) mentre Conegliano si affida alle difese di De Gennaro e agli attacchi di Plummer (14-17) ed Egonu (16-19) per rimanere in gioco. Karakurt esalta una gran difesa di Fersino (17-22), Chirichella conquista il set ball (19-24) e Karakurt chiude 19-25. Conegliano reagisce con De Kruijf (3-0) ma Daalderop ricuce (4-3) e sul turno in battuta di Bosetti arriva il sorpasso sul 4-6 con Karakurt; Folie alza il ritmo sotto rete (8-6), Chirichella alterna attacco (10-10) e muro (11-12) e Novara scappa via addirittura 11-17 con un altro muro della sua centrale. Plummer riporta in scia le sue (16-20, poi 18-21) in attacco, Karakurt però allunga fino al set ball e poi chiude il parziale con la diagonale del 19-25. Conegliano riparte con Courtney in sestetto e le venete alzano il ritmo, portandosi 9-5 con un muro di Plummer; Egonu fa il resto, con le gialloblù che vanno 13-7 mentre Novara si affida alla neoentrata Herbots (13-10) e a Bonifacio (13-11) per riaprire il parziale. Sul più bello, però, Conegliano riprende il ritmo e prende un break di vantaggio (15-12, primo tempo di Bonifacio) che si rivelerà poi decisivo: Novara non si arrende e ci prova con Bosetti (maniout, 19-17), ma la solita Egonu a muro mette al sicuro il set, sul 21-17. Finisce senza ulteriori sorprese, con la diagonale di Plummer del 25-21. La Igor reagisce con Karakurt (2-4), Plummer mette la freccia in maniout (6-5) ma la turca di Novara ricompatta lo score due volte: prima con la pipe del 9-9, poi con la diagonale del 13-13, dopo un break in battuta di Egonu. Plummer, però, fa la voce grossa in attacco, firmando il 16-14 e il 18-15 e Folie a muro trova il +4 (20-16) con Lavarini che ferma il gioco. Novara rientra fino al 22-21, poi le venete chiudono di slancio, con l’aiuto del nastro, sul 25-22. Lavarini inserisce Washington in sestetto ma Conegliano piazza subito un break importante con due ace di Folie per il 4-1, con il tecnico azzurro costretto al timeout. Bosetti è l’ultima ad arrendersi e rientra firmando i punti del 6-5, del 7-6 e dell’8-7 variando i colpi d’attacco ma le azzurre sciupano la palla dell’8-8 e del 9-9, lanciando Conegliano sul 10-8 con un pallone spedito out da Karakurt. Le venete trovano poi l’allungo con la solita Egonu (14-10) mentre Novara si mantiene in gioco fino al 14-13, firmato con una magia da Bosetti. Poi il primo tempo vincente di De Kruijf che chiude i conti sul 15-13 (3-2) e regala la Coppa Italia a Conegliano. Cristina Chirichella (centrale Igor Gorgonzola Novara): “Avremmo dovuto mettere in campo qualcosina in più dopo il secondo set, per trovare il break che ci avrebbe potuto portare a chiudere a nostro favore la partita. Abbiamo giocato due set di altissimo livello, lottando poi dopo anche nel resto della partita alla pari contro un avversario fortissimo. Usciamo a testa alta, dobbiamo trasformare anche questa delusione nello stimolo per crescere ancora, perché ritengo che abbiamo ancora margini di miglioramento”. Stefano Lavarini (allenatore Igor Gorgonzola Novara): “Complimenti a Conegliano, che anche questa volta ha dimostrato di essere superiore, vincendo. Noi abbiamo disputato un’ottima prestazione, ma evidentemente non è ancora sufficiente per superare un avversario come Conegliano, questo nonostante io mi senta di fare comunque i complimenti alle nostre ragazze per quanto fatto. Rispetto alle altre volte, siamo riuscite a tenere il piede sull’acceleratore per l’intera partita, lavoreremo per fare in modo che se non è stata questa la volta buona, possa esserlo la prossima”.

 

Imoco Volley Conegliano - Igor Gorgonzola Novara 3-2 (19-25, 19-25, 25-21, 25-22, 15-13)

Imoco Volley Conegliano: Caravello, Plummer 17, Courtney 7, Butigan ne, De Kruijf 7, Folie 15, Omoruyi 1, De Gennaro (L), Vuchkova ne, Frosini (L) ne, Gennari ne, Wolosz 3, Sylla 4, Egonu 26. All. Santarelli.

Igor Gorgonzola Novara: Imperiali (L) ne, Herbots 1, Montibeller, Battistoni ne, Fersino (L), Bosetti, Chirichella 11, Hancock 4, Bonifacio 5, Washington 1, Costantini ne, D'Odorico, Daalderop 16, Karakurt 23. All. Lavarini.

MVP Paola Egonu

Pin It

GUARDA LA TV LIVE (2)

Pubblicità-sport

loghi sport

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa