logo1

Volley C e D: ecco le nuove formule… con retrocessioni e promozioni...

Una prima fase, una fase ad orologio e solo successivamente (dal nuovo comitato regionale che sarà eletto) una fase play off play out; ecco la complicata ripartenza dei tornei di volley che dovrebbero riprendere ad inizio febbraio, ad ora, errore, confermate promozioni e retrocessioni…

Mentre continuano i campionato di volley di Serie A1 ed A2 e mentre è confermata la ripartenza dei tornei di B alla fine di gennaio, ma c’è attesa per interpretare il dpcm in arrivo, nei giorni scorsi il Comitato Regionale Piemontese della Fipav, Federazione Italiana Pallavolo, ha pubblicato una indizione dei campionati di Serie C e D maschili e femminili che a meno di ulteriori nuove partiranno il week end del 6/7 febbraio 2021. Ufficializzato anche il nuovo svolgimento della Serie C: al termine della prima fase, che terminerà il 17 aprile, con i ‘sottogironi’ a 6 squadre (nati dai precedenti gironi disegnati prima della rimodulazione dei tornei) sarà creata una sorta di classifica avulsa che darà il là ad una ‘fase orologio’ con un unico girone e gare di sola andata, disputate tra le mura amiche dalle squadre che nel primo turno sono state rivali della compagine miglior prima classificata tra i sottogironi. La classifica della seconda fase sarà data dal risultato della somma dei punti conquistati nella prima fase uniti ai punti della fase ad orologio. Al termine della seconda fase prevista a fine maggio ecco una terza fase play off/play out che però verrà comunicata dal nuovo consiglio regionale dopo le elezioni federali. Da definire lo schema di promozioni e retrocessioni; certo è che 10°, 11° e 12° di ciascun girone retrocedono direttamente in Serie D. Obiettivamente tutto un pochino troppo complicato.  Per il secondo torneo regionale nessuna nuova formula è stata ufficializzata, si resta quindi ai 2 gironi all’italiana con partite di andata e ritorno e l’inizio sempre il 6/7 febbraio. Dunque a quanto pare niente blocco di promozioni e retrocessioni, cosa che, pur ritenendo bello che si possa riprendere, riteniamo un errore; perché se è vero che un campionato in situazione normale dura 8/9 mesi nei quali i valori necessariamente vengono fuori, riteniamo che sia ingiusto promuovere o bocciare una squadra in un torneo contingente e di breve durata e con rose e giocatori ancora troppo sotto la spada di damocle di assenze e contagi e non sarebbe certamente il valore sportivo a decretare questi verdetti.  

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa