logo1

I risultati della Meht

Cielo azzurro, sorrisi e fatica, in pratica una giornata bellissima quella che ha fatto da cornice al IV HOKA Monterosa EST Himalayan Trail, evento organizzato da Sport PRO-MOTION A.S.D. che sabato 30 luglio ha preso il via dal Centro Sportivo di frazione Pecetto di Macugnaga.

Prima partenza tra l’alba e il buio con le frontali accese alle 5:00 del mattino per gli indomiti iscritti alla BRUTAL 103K, subito seguiti dai partecipanti della EPIC 60K alle 5:30. Partenza più comoda quella dei partecipanti alla SKY 38K alle 8:00 del mattino, seguiti dai partecipanti alla SCENIC 22K alle 8:30. Hanno chiuso le partenze di sabato gli atleti della ZMAKANA’ 14K alle 9:00.

Nel corso delle edizioni, l’evento è cresciuto fino ad accogliere nell’edizione odierna oltre 800 atleti nella giornata di sabato e 264 piccoli protagonisti dell’atletica del futuro, iscritti al MEHT Mini Trail, di domenica. Il ricavato del MEHT Mini Trail è destinato a Soccorso Alpino di MacugnagaAssociazione A.I.B Valle Anzasca e Associazione A.I.B Premosello Chiovenda.

La soddisfazione di Paolo Ottone, Presidente di Sport PRO-MOTION A.S.D. è tutta nelle sue parole: “Ringrazio tutti quelli che ci hanno dato una mano, anche quest’anno abbiamo portato a casa una splendida manifestazione, seppur, come è normale che sia, con qualche momento di difficoltà che abbiamo superato grazie alla forza del team”.  

I RISULTATI – La vittoria della manifestazione principale, BRUTAL 103K, è nelle gambe dell’omegnese Giulio Ornati (Sport Project VCO, Team Salomon) in 15h59’39” che crea il vuoto rispetto a Gianluca Galeati (Leopodistica), secondo in 17h15’43”. Meno netto il distacco sul terzo classificato, l’argentino di passaporto italiano Pablo Angel Nicolas Barnes (Atl. Varazze/Team Salomon) che completa le sue fatiche in 17h26’01”.

Gara femminile dominata da Lisa Borzani (Bergamo Stars Atletica) in 20h43’20” che la spunta sulla ceca Katerina Smiskovà, al traguardo in 24h27’30”. Terza al traguardo Francesca Ferraro (Emozioni Sport Team ASD) in 25h29’27”. Podio italiano completato da Monica Cattaneo, quinta assoluta, alle spalle dell’ungherese Doras Lajos.

Primato del percorso EPIC 60K maschile grazie allo svizzero Lucien Epiney con 7h25’29”, già sul podio di manifestazioni targate Sport PRO-MOTION grazie alla piazza d’onore dell’ultima edizione della mezza maratona di Novembre, quando aveva chiuso la sua prova in 1h13’27” alle spalle di Riccardo Vanetti. “E’ stata una gara molta tecnica, non avevo mai partecipato ad una gara così impegnativa, tuttavia mi sono divertito tantissimo, la parete est del Monterosa è spettacolare e voglio ringraziare gli organizzatori per aver organizzato questa manifestazione straordinaria”, ha commentato il vincitore. Inutili i tentativi di Franco Collè (Polisportiva Sant’Orso Aosta, Team HOKA/KARPOS), inizialmente atteso sulla BRUTAL 103K e che già aveva modificato i suoi piani, al traguardo in 8h04’04”, a sua volta nettamente in vantaggio su Roberto Perolini che completa la sua prova in 8h27’01”. Quarta piazza per il polacco Cezary Osojca in 9h00’32 mentre completa il podio italiano Fabio Rolando in 9h48’57”in settima posizione generale, preceduto dalle prime due donne. 

Podio femminile a Giulia Saggin (Friesian Team) in 9h04’40” seguita da Agnese Valz Gen (La Vetta Running) in 9h39’55” e Katrin Bieler in 10h30’48”.

Combattutissima la prima piazza maschile della SKY 38K/3.100 D+ dove Gianluca Bianchi la spunta in 5h22’06” su Andrea Vola in 5h22’47” mentre è più staccato Maurizio Merlini, al traguardo in 5h25’08”. Riflettori accesi su Giuditta Turini (Pol Sant’Orso- Team HOKA/Karpos) che vince la prova femminile in 5h54’13”, risultando in ottava posizione generale. “E’ un percorso bellissimo, molto affascinante arrivare al Passo Mondelli, un passaggio molto duro che termina con una discesa altrettanto impegnativa, tra gradoni e pietre, proprio come piace a me”ha commentato Giuditta. Seconda assoluta in 6h12’55” Elena Platini (Luciani Sport Team), atleta che ha già scritto il suo nome nelle gare Sport PRO-MOTION, aggiudicandosi la vittoria della Mezza dei Due Laghi dello scorso marzo. Terza piazza per Giulia Zanovello in 6h35’11”. “Lo scorso anno avevo partecipato alla 60K, mi è servito di esperienza perché mi sono migliorata su un percorso molto tecnico, non proprio adatto alle mie caratteristiche, sono molto soddisfatta” – ha detto Giulia.

Il podio della SCENIC 22K/1.700 D+ è andato a Davide Campiotti che si è imposto in 2h23’29” su Mauro Balmetti, al traguardo in 2h25’27”. Più staccato Matteo Bergamaschi che finisce terzo in 2h33’09”. Gara femminile che assegna il gradino più alto del podio alla spagnola Irene Fuertes in 2h51’39” seguita dalla polacca Kinga Pachura in 3h07’53”. Terza assoluta e prima delle italiane Francesca Minocci in 3h14’36” tallonata da Camilla Musetti in 3h17’17”. Completa il podio italiano Nicoletta Sica in 3h33’48”.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa