logo1

Angelini e Biancotto sorridono

Angelini e Biancotto i protagonisti della raffa. Prossima finale in calendario il 4 marzo alla Baraggia di Gozzano

BOCCE

Alle finali del 9° Trofeo Luigino Sacco, organizzato come sempre al meglio dalla Bocciofila di Borgomanero (16 le batterie, 3 delle quali di Categoria A), Renato Biancotto del Possaccio arriva praticamente a digiuno. Al socio Pierlauro Angelini la cosa fa meraviglia. “Ti vedo patito - dice - vorrà dire che se vinciamo ti offro la cena alla Baraggia...”.

Ai perdenti le prime 8 sfide, la Bocciofila del presidente Giampiero Medina offre una tavoletta di cioccolato gentilmente fornita da una ditta di Arona. Biancotto ci fa un  pensierino, ma resiste, e sa che poi ci sono i cesti gastronomici a chi prosegue nelle sfide e arriva tra i primi. Allora la coppia verbanese entra in campo e nelle prime due partite non concede che briciole agli avversari, peraltro di categoria inferiore. In semifinale però trova una duo molto tosto, quello composto da Massimo Callegari e Massimo Maioni: finisce 12 a 4 per i portacolori del Possaccio e si va alla finalissima. Dove pure li attendono Omar Martinoli e Dario Della Vedova, anch’essi della Bottinelli di Vergiate, che in questi mesi quando non hanno vinto (e lo hanno fatto spesso) sono arrivati secondi. Risultato confermato: sono secondi. Biancotto adesso ha davvero fame, e Angelini pure. I due pesi massimi infliggono un altro 12 a 4 ai rivali di turno e mandano gli spettatori ai titoli di coda.  In una gara che aveva portato tra le 16 coppie, ben 5 della Bocciofie la Oleggese, rimasta peraltro a bocca asciutta, vanno ricordati anche Lauti e Cavigioli, entrati nella parte bassa del tabellone e arrivati quarti.

 

Invece nei campionati italiani di categoria per società di categoria C, Possaccio, reduce dalla vittoria con i piacentini (1-0 e 1-1), ha di nuovo dato buon spettacolo nella gara d’andata contro la societa IL CERVO di Montecchio. I parmigiani sono stati battuti 2-0 (Mario Boscardin il protagonista assoluto del pomeriggio di sabato scorso a Trobaso, insieme a Carlo Callegari) e saranno loro ad ospitare i verbanesi tra 2 giorni nel match di ritorno. Fuori invece in categoria B, come previsto dopo la disastrosa andata, la Bolongaro di Baveno.

 

La prossima finale si gioca alla Baraggia il 4 marzo: é una gara di coppia, come quella dell’Anpi di Crusinallo, in 2 fasi, che si chiude il 10 marzo. Il giorno dopo a Verona, tutti i presidenti delle bocciofile d’Italia, più i Rappresentanti degli Atleti e Tecnici Societari, si ritrovano per eleggere il Direttivo nazionale. Sono in lizza Il presidente del circolo Flaminio di Roma Marco Giunio De Santis e e l’eterno Romolo Rizzoli, al suo eventuale 7° mandato !

Pin It

GUARDA LA TV LIVE (2)

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa