logo1

Parere positivo del PD VCO su Interconnector

Le novità oggi nella conferenza stampa con il vice presidente piemontese Reschigna, con il segretario Ravaioli e con l'on. Borghi

vb pd interconnector

Conferenza stampa dedicata a Interconnector Italia-Svizzera oggi nella sede del Pd verbanese con il vice presidente piemontese Reschigna, con l’onorevole Borghi e i neo segretario provinciale Paolo Ravaioli.

E’ stato spiegato come il PD consideri indispensabile mantenere e sviluppare la presenza del comparto industriale e manifatturiero nel Vco. E’ stata espressa una valutazione sostanzialmente positiva sulla collocazione dell’opera, dal Partito Democratico hanno comunque ribadito di non voler interferire sulle decisioni che spettano alle istituzioni.

<Lo smantellamento di linee e tralicci collocati in siti ormai antropizzati della valle Formazza, con lo spostamento in siti meno visibili e l’interramento ove possibile delle linee stesse – scrivono dalla segreteria partito - , portando a soluzione un impatto esistente da anni; la posa di tralicci con il minor impatto ambientale possibile ed infine la collocazione richiesta della centrale di conversione, forse il problema più evidente, in aree già definite industriali, senza quindi spreco ulteriore di suolo, specialmente agricolo, ci portano ad esprimere un giudizio positivo sul lavoro di confronto svolto e sui risultati ottenuti>. <Resta aperto – concludono – il lavoro di verifica per capire e trattare il possibile utilizzo in loco di energia ‘scontata’ per le imprese del territorio che potrebbero essere interessate a partecipare alla società proponente l’opera, le ulteriori richieste di compensazioni ambientali e le compensazioni per le amministrazioni locali ed il confronto con le stesse per definire il dettaglio esecutivo dei lavori. Sono queste ulteriori condizioni, irrinunciabili e dirimenti per un giudizio positivo definitivo>.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa