logo1

Ruba una bici a Verbania, nei guai settantunenne varesino

 

Si tratta di un uomo di 71 anni residente in provincia di Varese, è stato scoperto dalla Squadra Mobile. Girava su auto intestata a prestanome

 

polizia auto01

E’ bastato un solo numero di targa ai poliziotti della Squadra Mobile di Verbania per scoprire e denunciare un ladro seriale di biciclette. Tutto è cominciato dalla denuncia del gestore di un negozio di bici in Corso Europa giovedì 17 agosto. L’uomo aveva legato le bici in esposizione con una catena e, intorno alle 12,30, si era allontanato per la pausa pranzo. Al suo ritorno, però, si è accorto che la catena era stata tranciata e mancava una bicicletta da corsa con telaio in carbonio del valore di circa 1200 euro. Gli uomini del Commissario Capo Ugo Armano hanno acquisito subito le immagini delle telecamere di sorveglianza del negozio vicino. L’autore del furto era stato ripreso mentre caricava la refurtiva su una Peugeot Station Wagon. Purtroppo, però, la targa era illeggibile al di fuori di un numero: il 7.

A quel punto gli agenti hanno fatto un lavoro di indagine certosino, controllando le targhe delle auto in entrata e in uscita da Verbania in orario compatibile con il furto, individuando tra le diverse Peugeot l’unica che aveva un 7 nella targa. L’auto risultava però intestata a un cittadino romeno, già proprietario di altri 20 veicoli, quindi chiaramente un prestanome. Dalle banche dati della Polizia, però, è emerso che in occasione di precedenti controlli alla guida della Peugeot c’era sempre un settantunenne di Montegrino Valtravaglia, in provincia di Varese, già noto alle forze dell’ordine. L’uomo era solito spostarsi nelle località turistiche per compiere furti di biciclette. Dalla perquisizione di casa sua è saltata fuori la bici rubata e sono anche stati sequestrati i “ferri” del mestiere, tra cui il flessibile usato per tagliare la catena. Il settantunenne è stato denunciato, mente il proprietario dell’auto sarà segnalato alla Guardia di Finanza per intestazione fittizia di beni.  

 

di Maria Elisa Gualandris

 

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa