logo1

Domani il presidente del VCO Lana sarà al Centro recupero animali selvatici del dottor Calligarich

 

Obiettivo, cercare una soluzione per evitare a fine anno la chiusura del servizio presso il centro di San Bernardino Verbano

Domani il presidente del VCO Alessandro Lana sarà al Centro recupero animali selvatici del dottor Calligarich a San Bernardino Verbano. Obiettivo, cercare una soluzione per evitare a fine anno la chiusura del servizio.

E' dei giorni scorsi la comunicazione di cessata attività tra una mese del CRAS. Un'attività di cure gratuite che con passione e professionalità viene portata avanti dalla famiglia Calligarich da decenni: lo dimostrano i tanti ritorni in natura di animali selvatici feriti e curati che vi abbiamo spesso raccontato.

Ora però c'è l'impegno sempre più gravoso per la famiglia e c'è un bando per finanziamenti regionali che darebbe solo briciole alla struttura verbanese. Fondi che invece potevano essere utili per assoldare una persona che, accanto ai volontari, desse una mano. Da qui la decisione di lasciare. I Cras piemontesi resterebbero 3: a Racconigi, Asti a Cuneo. Spiega il veterinario Uberto Calligarich: "Le istituzioni devono capire l'importanza dei Cras e di conseguenza destinare le risorse necessarie. Noi da 36 anni siamo punto di raccolta di informazioni relative al territorio a salvaguardia degli animali, dell'ambiente e di conseguenza dell'uomo. Ci è capitato di intercettare malattie potenzialmente pericolose per la specie umana".

I centri di recupero sono importanti punti di monitoraggio ambientale in un periodo in cui il comitato scientifico evidenzia l'importanza dell'interscambio di informazioni tra medici, veterinari, biologi e altri addetti ai lavori per monitorare le malattie emergenti. Covid e aviaria solo per citarne alcune.

"Non entrerò più in gioco ma posso dare una mano" aggiunge il dottor Calligarich e nell'incontro di domani auspica la possibilità di individuare possibili soluzioni "Anche perché la Provincia del VCO è la seconda più ricca di biodiversità in Italia dopo Trento. I cras devono essere piccoli e diffusi sul territorio, pochi e grandi perdono significatività" evidenzia.

"Cercheremo di valutare nel caso anche la possibilità di una soluzione interna - spiega il presidente del VCO Alessandro Lana - la competenza in materia è regionale ma a noi serve un Cras, si tratta di un presidio di interesse pubblico" conclude.

Il cras ha sempre lavorato in sinergia con Polizia Provinciale e Vigili del fuoco. Conapo VCO, sindacato autonomo dei Vigili del fuoco, nei giorni scorsi non aveva nascosto preoccupazione per come dovranno in futuro far fronte ai soccorsi di animali selvatici. Lo stesso ha evidenziato la professionalità e l'amore incondizionato per il loro lavoro della famiglia Calligarich ed ha consegnato al veterinario un casco da intervento a ricordo.

 

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa