logo1

Mario Minola nominato responsabile della sanità del Piemonte

Sarà operativo a Torino dal 19 aprile

Mario Minola, già direttore dell’ospedale Maggiore di Novara, è il nuovo direttore regionale degli assessorati alla Sanità e alle Politiche Sociali, dopo le dimissioni di Fabio Aimar. La Giunta della Regione Piemonte, guidata da Alberto Cirio, ieri mattina lo ha nominato ufficialmente. Il suo incarico partirà dal 19 aprile e durerà due anni.  Sessantatre anni, specialista in malattie infettive, Minola ha diretto finora l’<Ospedale Universitario Maggiore> di Novara dopo aver ricoperto l’incarico di direttore generale dell’Azienda Sanitaria Novarese. Aveva iniziato il suo percorso nella Sanità come assistente medico  all’organizzazione dei servizi di base per l’allora Ussl 52 di Galliate nel 1990, poi gli incarichi nelle amministrazioni di Asl e Maggiore fino a ricoprire la carica di direttore generale e commissario in entrambe.  E’ alla direzione del Maggiore dal 2011, anni fondamentali per l’ospedale diventato azienda universitaria e per il progetto della nuova “Città della salute”.  La Giunta regionale venerdì mattina ha preso atto delle sue dimissioni dall’attuale incarico, per cui dovrà essere nominato un nuovo direttore del Maggiore.  L’accordo sul nome del manager novarese era stato raggiunto nei giorni scorsi e anticipato dall’Amministrazione regionale guidata da Alberto Cirio. Minola si era messo in evidenza anche in occasione del contrasto al Covid 19 e con le relative operazioni di vaccino. Ora si tratta di nominare un nuovo vertice per l’azienda ospedaliero universitaria di Novara all’interno di un elenco che conta oltre una trentina di candidature. «Sarà una mia proposta - ha precisato nei giorni scorsi l’assessore regionale alla Sanità Luigi Icardi - che avanzerò dopo essermi confrontato con l’<Università del Piemonte Orientale>. Sarà una decisione che andrà in porto in tempi brevi». 

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa