logo1

Arona, controlli alla movida e sanzioni ai locali

Nei giorni scorsi sono stati sanzionati tre locali del lungolago Marconi 

Proseguono ad Arona i controlli alla movida del venerdì e sabato tardo pomeriggio quando l’effetto movida si fa notare tra i locali del lungolago. L’assessore alla Sicurezza Tullio Mastrangelo e la comandante della polizia locale Floriana Quatraro non abbassano la guardia. Nello scorso fine settimana tre locali di lungolago Marconi sono stati sanzionati in quanto gli agenti avevano riscontrato all’interno una capienza di avventori superiore al consentito. Per i tre titolari una multa di 280 euro e diffida. Per quanto riguarda i dehor molti gestori diligentemente hanno invitato la clientela già alle 17.45 a lasciare i tavolini. Non tutti lo hanno fatto, lasciando la clientela seduta sino ad oltre le 18 e 30. Per questo sono esplose lamentele da parte di coloro che hanno rispettato alla lettera i decreti. I controlli sono proseguiti anche nelle vie adiacenti al lungolago, in particolare sono stati controllati i presenti affinché indossassero correttamente la mascherina. In questo caso nessuna sanzione al massimo qualche invito ad indossarla. In alcuni casi i controlli sono stati approfonditi ai documenti e all’identificazione. Sabato 20 febbraio già molti giovani si sono costituiti in gruppi e assembramenti non corretti in questo periodo di emergenza sanitaria. Sabato 20 a mezzogiorno in piazzale Aldo Moro sono stati contati una trentina di camper parcheggiati, la maggior parte provenienti dalla vicina Lombardia. La passeggiata del lungolago, nei due ultimi fine settimana, si è presentata assai affollata complice anche il bel tempo e le temperature primaverili. Intanto ad Arona si regista un calo dei contagiati, dai 55 casi di metà febbraio ai 34 della fine mese. L’assessore Mastrangelo ha affermato:<I controlli proseguiranno anche per i prossimi fine settimana, dobbiamo tenere alta l’attenzione ed effettuare i dovuti controlli affinché non si espanda il contagio del Covid 19. Un’azione non per sanzionare e fare cassa, ma per prevenire>.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa