logo1

Rifiuti, aumenti in vista. Critico il sindaco Cigala Fulgosi

Duro anche l'attacco del M5S e di Italexit

Continua a preoccupare e a sollevare reazioni politiche la vicenda dell’ex inceneritore di Prato Michelaccio, scaduta la proroga della Provincia per l’utilizzo dell’area per lo stoccaggio dei rifiuti.
Sulla questione l’attacco da parte del Movimento Cinque Stelle: “Si è arrivati alla triste conclusione che la politica che governa i nostri territori, non riesce a rispondere con efficacia alle esigenze del territorio su temi importanti come quelli legati alla gestione dei rifiuti”. Il Movimento Cinque stelle ricorda: “I camion dovranno percorrere migliaia di chilometri per raggiungere un sito di stoccaggio. La politica che pianifica, progetta per trovare delle soluzioni, è la grande assente di questa triste vicenda in cui nessun Sindaco ha alzato la voce per tutelare gli interessi dei cittadini”. Si vuole forse arrivare ad una privatizzazione totale del servizio? Conservco si ritroverà con circa 1.4000.000 euro di costi non previsti su un bilancio già precario, a pensar male si fa peccato ma a volte ci si azzecca”. E dei costi si preoccupa anche il sindaco di Ornavasso Filippo Cigala Fulgosi, che parla di un incremento dei costi di circa 120 mila euro al mese, pari al 110 percento in più, per i cittadini del Vco.  Cigala Fulgosi parla di una mancanza di volontà “di superare la normativa vigente neppure in ragione della dilatazione dei tempi e delle procedure provocata dall'emergenza Covid”. Una situazione “allucinante e inspiegabile” secondo il sindaco.
“Sdegno” e “preoccupazione” sono i sentimenti del Circolo del Verbano Cusio Ossola del neonato partito Italexit con Paragone. ”La Tari adesso si impennerà - si legge in un comunicato -, con una ricaduta negativa per le già fragili economie di tante imprese e famiglie. Gli italiani non meritano di essere ulteriormente massacrati sul piano economico per colpa di una politica che manca di visione e buon senso. Ognuno si deve prendere le sue responsabilità e non procedere al solito meccanismo dello scarica-barile, cui abbiamo assistito in questi giorni. In un Paese Sovrano ed autonomo sul piano monetario vicende del genere non accadrebbero".

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa