logo1

Con l’emergenza sanitaria continua l'emorragia di imprese nel comparto edile

Sono cinque le ditte che nel 2020 hanno chiuso i battenti.  Dato negativo si registra anche a livello di ore lavorate

Con l’emergenza sanitaria continua l'emorragia di imprese nel comparto edile.  Sono cinque le ditte che nel 2020 hanno chiuso i battenti.  Dato negativo si registra anche a livello di ore lavorate : - 8,08%. Non va meglio neppure sul fronte degli addetti occupati nel comparto, la flessione qui è del  – 2,53% . In calo pure la massa salari che scende da 20.264.000 del 2019 agli attuali 18.654.00 euro.

A colpire maggiormente  il lungo periodo di lockdown di primavera. Il fermo  ha travolto un settore che nel primo trimestre dell'anno – a livello locale - sembrava avviato a risollevarsi dopo anni di crisi.

A inizio anno infatti  la massa salariale ha fatto segnare +7,93% a gennaio e  +10,30% a febbraio.   “ I mesi successivi invece – segnala Luca Lepiani di Feneal Uil Vco – sono stati difficili “. Nel Verbano Cusio Ossola solo le imprese che  si sono aggiudicate commesse per lavori ferroviari o stradali hanno potuto lavorare. Questo ha comportato la messa in cassa integrazione per molti lavoratori. “ Lavoratori – spiega ancora Lepiani – rimasti per molti mesi senza nessuna entrata economica a causa dei forti ritardi registrati nei pagamenti della Cig da parte dell'Inps “.  Nel Verbano Cusio Ossola si stima che solo il 10% delle imprese edili ha anticipato la Cassa integrazione ai propri lavoratori.

A giugno, dopo il lockdown il settore è ripartito anche a livello locale. Molti lavoratori del comparto edile hanno rinunciato alle ferie estive per rimanere sui cantieri. “ A giugno nel Verbano la massa salari ha fatto segnare una ripresa con un + 6,64% “ sottolinea Lepiani. Trend confermato anche a settembre. Una nuova inversione di tendenza si è registrata a ottobre con il semi lockdown. “ Gli ultimi dati – conclude Lepiani – evidenziano che il settore fa fatica a risollevarsi e i disagi per imprese e lavoratori sono ancora notevoli “.

Pin It

GUARDA LA TV LIVE (2)

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa