logo1

Omegna, il punto sul post alluvione

Le principali situazioni di dissesto hanno riguardato i torrenti Strona e Fiumetta. Avviati gli interventi urgenti

Comunicato stampa - Sono diverse e alcune estremamente urgenti le situazioni di dissesto registrate a Omegna a seguito dell’evento alluvionale che ha colpito il nostro territorio la notte tra il 2 e il 3 ottobre scorsi.

Fronteggiata fin dalle prime battute dal pronto intervento della Protezione Civile, la situazione emersa a seguito dei sopralluoghi effettuati dai Tecnici del Comune di Omegna coadiuvati dalla Geologa Anna Cristina incaricata dall’Ufficio comunale competente, ha evidenziato diverse situazioni di dissesto.

Le principali hanno riguardato il Torrente Strona e il Torrente Fiumetta che, di conseguenza, hanno fatto registrare ingenti danni nell’abitato di Omegna localizzati presso le Vie IV Novembre, Ponte Bria e Varallo, dove si concentrano ora gli interventi in somma urgenza decisi in accordo con la Regione.

Sono, infatti, sotto gli occhi di tutti i danni provocati dall’evento di piena che, proprio nel tratto di Via IV Novembre, ha portato via con sé intere porzioni di fabbricati e parcheggi.

Come sottolineato da Stefano Strada, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Omegna: «Prevediamo di intervenire in somma urgenza anticipando come Comune i soldi che verranno rimborsati in un secondo tempo dalla Regione Piemonte. L’obiettivo è scongiurare ulteriori danni alle abitazioni limitrofe sistemando e ripristinando i tratti di arginatura danneggiati per evitare il progredire dell’erosione e la propagazione dei deflussi. Nello specifico, anche per l’asportazione del materiale trasportato lungo l’alveo dei torrenti, le prime stime approssimative prevedono un esborso di 70 mila euro (+ IVA al 22%) per Via IV Novembre e di 150 mila euro (sempre da ivare) per Via Ponte Bria e Via Varallo».

Individuati e quantificati gli interventi in somma urgenza, l’Amministrazione comunale sta ora mappando le operazioni di pronto intervento ritenute prioritarie al fine di rivolgere alla Regione le richieste di contributo previste dallo stato di calamità riconosciuto dal Consiglio dei Ministri per le Vie interessate, tra cui Via Fogno e Via Nobili. Verrà, inoltre, elaborato uno studio di fattibilità lungo l’intera area interessata dall’esondazione lungo Via IV Novembre, ivi compreso il parcheggio comunale.

«L’Ufficio tecnico del Comune – conclude l’Assessore Strada – è al momento al lavoro anche per la raccolta dei moduli prontamente pubblicizzati sul canali di comunicazione istituzionali e che i cittadini interessati stanno debitamente compilando e corredando da materiale fotografico per accedere alla procedura di segnalazione danni arrecati dall’alluvione. In tutto, a ieri, superavano la decina le richieste pervenute e alle quali la Regione Piemonte dovrà dare una risposta».

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa