logo1

Individuato il corpo di Enrico Faraglia

 

Il barbiere di Nonio era disperso da lunedì nel Lago d'Orta

Sarebbe stato individuato ad una profondità di circa 140 metri il corpo di Enrico Faraglia, il barbiere di Nonio disperso da lunedì sera nelle acque del Lago d'Orta.

I vigili del fuoco di Borgomanero con i loro natanti e i sommozzatori di Milano e Torino, coordinati dai carabinieri di Omegna e con l'ausilio di un robot sono stati impegnati durante tutta la giornata di oggi nel tratto di lago tra la cascata del Qualba e la Punta di Crabbia. Avrebbero localizzato il corpo ad una cinquantina di metri circa dalla costa, il recupero sarebbe complicato proprio dalla profondità del lago in quel punto.

Ricordiamo che l'uomo si trovava in spiaggia con degli amici, aveva annunciato una nuotata tra Orta e Crabbia dalla quale purtroppo non ha più fatto ritorno. Era un esperto nuotatore.

La notizia della tragedia che si è consumata nelle acque del lago d'Orta ha colpito profondamente la piccola comunità di Nonio dove Enrico era una persona molto conosciuta, "Era per tutti il barbé", dice il sindaco Piero Minazzi, in costante contatto con gli uomini impegnati nelle ricerche. Una barbiere con la passione per i cani, in particolare per i levrieri afgani con i quali partecipava a diverse competizioni.


Pin It

GUARDA LA TV LIVE (2)

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa