logo1

Domodossola: giro di vite sulla movida per questo weekend a tutela della tranquillità dei residenti nel Borgo della Cultura

 

 Ordinanza del Comandante della Polizia Locale Marco Brondolo. <Quello di questo fine settimana sarà un test – riferisce Brondolo-, vedremo nel caso poi per i prossimi di modificare le disposizioni rispetto alle esigenze>

Domodossola: giro di vite sulla movida per questo weekend a tutela della tranquillità e del riposo dei residenti nel Borgo della Cultura. Ordinanza del Comandante della Polizia Locale Marco Brondolo. <Quello di questo fine settimana sarà un test – riferisce Brondolo-, vedremo nel caso poi per i prossimi di modificare le disposizioni rispetto alle esigenze>.

L'ordinanza, che vale dal 10 al 12 luglio, vieta nell'area del Borgo della Cultura la vendita per asporto di bevande in bottiglie o bicchieri di vetro, anche da distributori automatici, dalle 19,30 alle 7,30 del mattino successivo. I locali dovranno chiudere entro le 2. Dopo questo orario è vietato impegnare le aree pertinenziali degli esercizi pubblici, dehors compresi. I titolari o i gestori delle attività sono responsabili della corretta applicazione di queste norme e dovranno adottare le necessarie misure di controllo nei confronti dei loro clienti.

L'ordinanza nasce da una serie di considerazioni: l'incremento di presenze nelle ore serali e notturne dei weekend in centro città, il riscontro di schiamazzi, ubriachezza molesta, danneggiamenti, abbandono di rifiuti che turbano la tranquillità pubblica; arrivate diverse segnalazioni rispetto a tali problematiche e al loro aggravarsi. La Polizia locale e le altre forze dell'ordine hanno constatato l'effettiva sussistenza di questi episodi, derivanti e connessi con l'attività di vendita, anche da asporto, e di somministrazione di bevande alcoliche e superalcoliche, con la concentrazione davanti ai locali degli avventori anche dopo l'orario di chiusura, spesso ubriachi.

Nell'ordinanza si rimarcano anche i provvedimenti di natura amministrativa riconducibili a violazioni pertinenti la materia già assunti in passato nei confronti dei titolari delle attività commerciali e artigianali, il diritto alla tranquillità e al riposo delle persone che abitano in quell'area del centro città e ancora che non sono altrimenti ed efficacemente esperibili diverse modalità, previste dall'ordinamento vigente, al fine di preservare tale diritto al riposo.

 

 

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa