logo1

Coronavirus. Dopo le mascherine operatori sanitari chiedono camici

Appello del sindaco Pizzi a chiunque per motivi di lavoro può operarsi per reperire DPI

Dopo le mascherine mancano camici per gli operatori sanitari. Lo chiede il personale ospedaliero ma anche il personale sanitario al lavoro sul territorio per prestare le cure domiciliari.Decine di infermiere impegnate nelle cure palliative e di supporto a persone con malattie croniche. Nasce da qui l’appello del sindaco di Domodossola. Lucio Pizzi che già nei giorni scorsi si è speso in prima persona con imprenditori della zona per reperire mascherine da fornire all’ospedale San Biagio, torna a lanciare un Sos. Il sindaco domese si rivolge a chi, per esperienze o contatti di lavoro, può adoperarsi per reperire materiale utile alla sicurezza di medici e infermieri. “ La carenza di camici idrorepellenti - dice - sta emergendo dagli operatori come ancora più preoccupante di quella delle mascherine. Dobbiamo pensare a chi come medici di base, personale ospedaliero, operatori delle case di riposo e mondo del volontariato sono in prima linea in questa emergenza “.

Pin It

GUARDA LA TV LIVE (2)

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa