logo1

Coronavirus. A Verbania giunta Marchionini e presidente del consiglio rinunciano ad uno stipendio

 
 
Devolveranno l'indennità al fondi per la solidarietà e il rilancio di Verbania. Dovrebbe essere istituito presso la Fondazione Comunitaria del Vco
 
Il sindaco Silvia Marchionini, gli assessori della sua giunta e il presidente del consiglio comunale Giandomenico Albertella devolveranno un mese di indennità al fondo per la solidarietà e il rilancio di Verbania. Sindaco, vice sindaco, assessori e presidente, in pratica rinunceranno a uno “stipendio” per sostenere e lanciare un fondo che sarà probabilmente istituito alla Fondazione Comunitaria del Vco, e che si chiamerà “Verbania Solidale”.

Il fondo sarà destinato a commercianti, imprese, artigiani, partite IVA, disoccupati per aiutare il rilancio delle attività e dare una mano alle persone in difficoltà della città.

“Un fondo che sarà istituito con un apposito capitolo di bilancio del Comune e che sarà alimentato – afferma il sindaco Silvia Marchionini – da necessarie variazioni di bilancio e, speriamo, dalla generosità di chi può contribuire. Per questo i primi versamenti su quel conto arriveranno dalla giunta e dal presidente con il versamento di una mensilità della indennità di carica”.

Un’iniziativa come da proposta delle forze consiliari di maggioranza e opposizione e che vede già l’appoggio del presidente della Fondazione Comunitaria Maurizio De Paoli.

Al più presto saranno comunicate le modalità per contribuire al fondo che dovrà sostenere chi si trova in difficoltà e in carenza di liquidità.  “Speriamo che, assieme agli sforzi e agli incentivi del Governo e della Regione - si legge nella nota dell’amministrazione comunale - si possa porre rimedio alla crisi economica generata da questo stop forzato della gran parte della attività produttive, commerciali e turistiche. Noi proveremo a fare la nostra parte”.
 
M.e.g.
Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa