logo1

Coronavirus, istituito il numero verde sanitario 800.19.20.20, attivo 24 ore su 24

Stabile il numero di pazienti positivi al virus. 50 al momento sono in osservazione

Sono sempre 3 i pazienti positivi al Coronavirus in Piemonte. Sono tutti in discrete condizioni di salute. Altre 50 invece sono sotto osservazione per verificare l'eventuale presenza del coronavirus. Due di queste sono in isolamento in strutture militari. Si tratta di cittadini che per i più svariati motivi, magari perché hanno una famiglia numerosa o con un malato, non possono stare a casa loro per la quarantena. E' quanto ha comunicato nel pomeriggio l'assessore regionale alla Sanità della Giunta Cirio, Luigi Icardi, nell'incontro con la stampa. Lo stesso assessore ha annunciato che
il Piemonte avrà presto cinque laboratori abilitati a fare l'esame del tampone per la ricerca del Coronavirus."Attualmente - ha spiegato - i laboratori in grado di fare l'esame sono due, presso gli ospedali Molinette e Amedeo di Savoia a Torino. Fra domani e dopodomani ne aggiungeremo altri tre, ad Alessandria, Cuneo e Novara. Questi centri dovranno essere dotati delle attrezzature e delle professionalità necessarie. Il collo di bottiglia di questo complesso esame è infatti il laboratorio che deve elaborare i dati relativi a ogni tampone". La Regione, ha detto Icardi, sta anche organizzando l'acquisto centralizzato delle mascherine, che da una sola farmacia saranno distribuite a tutte le altre del Piemonte. "Non ci sono problemi di scarsità dei dispositivi di protezione - ha rimarcato il responsabile del 118 piemontese, Mario Raviolo - ci stiamo però portando avanti, facendo scorte per rutto il territorio regionale". Intanto a livello regionale è stato attivato un numero unico dedicato all'emergenza Coronavirus. Chiamando l’ 800 19 20 20 si possono avere tutte le informazioni. “Il 112, che poi rimanda al 118 ha ricevuto negli ultimi giorni oltre 10mila telefonate, l'80% delle quali improprie. Non possiamo permettercelo, perché ci sono casi, come infarti e ictus, che richiedono interventi immediati" ha detto ancora Icard. Intanto bisognerà attendere venerdì per sapere se il Piemonte deciderà di prorogare le misure restrittive adottare in questi giorni per contenere il diffondersi del virus.  "La decisione sarà presa dal governatore Cirio d'intesa con il Governo nazionale e le altre Regioni. In Piemonte - ha concluso Icardi - i casi negli ultimi due giorni non sono aumentati. Tutti coloro che sono stati posti sotto osservazione sono risultati negativi. Ma dobbiamo prendere atto della situazione del Nord Italia: la Lombardia, con la quale confiniamo per centinaia di chilometri si trova in una posizione un po' diversa. A mio avviso quindi le misure restrittive dovranno essere prorogate ancora per un po'".

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa