logo1

Crisi Arsonsisi, sindacati a confronto con la proprietà

Incontro interlocutorio ieri a Lainate. Martedì a Fondotoce l’assemblea con i lavoratori

 

Vertenza Arsonsisi. Incontro ieri a Lainate fra la proprietà del gruppo J Color e i rappresentanti dei lavoratori. Un tavolo interlocutorio. “Trattativa intavolata” si lasciano sfuggire i sindacalisti che erano presenti all’incontro. Un primo confronto servito alle parti per svelare le carte del “gioco”. Il resoconto dell’incontro sarà reso noto ai lavoratori nella giornata di martedì. L’appuntamento è per le 13 circa nel cortile della fabbrica a Verbania Fondotoce. Sono 55 i lavoratori ad oggi occupati nello stabilimento di via dell’Elettricità. Dodici da dicembre in cassa integrazione straordinaria. Una realtà produttiva, quella verbanese, nata nel lontano 1989, nel 1997 passata alla Ecoth per finire nel 2009 alla società svizzera Basf che più di recente l’ha venduta al gruppo lombardo J Colors. Negli anni di massima produzione, nel sito chimico di Fondotoce sono stati occupati fino a 100 lavoratori. Si producono vernici in polvere. Il tavolo di venerdì mattina a Lainate ha discusso della procedura di licenziamento collettivo annunciata dal gruppo a inizio anno. Una crisi finanziaria della società controllante alla base della richiesta. Le segreterie provinciali di Filctem- Femca é Uiltec subito dopo l’annuncio hanno chiesto al territorio di sostenere la battaglia per la salvaguardia dei posti di lavoro: < Faremo – hanno detto - quanto è nelle nostre possibilità per scongiurare l' ennesima crisi per questo territorio >. L’idea è di ricalcare quanto fatto un anno da per l’ex Tessenderlo di Pieve Vergonte. < Vogliamo dimostrare che ci sono le condizioni per andare avanti e rilanciare dell’azienda >. Fa qui la richiesta di “ vicinanza “ delle istituzioni.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa