logo1

Violenza sessuale e maltrattamenti: assolto marocchino residente a Domodossola

 

La moglie aveva denunciato di essere stata insultata, picchiata, violentata e chiusa in casa dal marito in diverse occasioni, tra febbraio e dicembre 2017

E’ stato assolto dalle pesanti accuse di maltrattamenti e violenza sessuale nei confronti della moglie un uomo marocchino residente a Domodossola, classe 1981, difeso dagli avvocati Marisa Zariani e Massimo Vairetti. La donna aveva denunciato di essere stata insultata, picchiata e addirittura chiusa in casa dal marito in diverse occasioni, tra febbraio e dicembre 2017. Inoltre, sarebbe stata violentata ripetutamente. Per costringerla ad avere rapporti sessuali, lui l’avrebbe presa a schiaffi e per il collo.

Di segno opposto la versione data dagli avvocati dell’imputato, che hanno sostenuto come non ci fossero prove dei fatti raccontati dalla donna e che lei si sarebbe inventata tutto per poter essere accolta e assistita secondo quanto previsto per le donne vittime di abusi. Questo dopo il divorzio le avrebbe evitato il ritorno in Marocco dove sarebbe stata sottoposta all’egemonia del padre.

Il pm Gianluca Periani ha chiesto la condanna a 1 anno e 4 mesi per i maltrattamenti e l'assoluzione per non aver commesso il fatto per la violenza sessuale. Il collegio dei giudici ha invece deciso per l’assoluzione con formula piena, perché il fatto non sussiste.

 

di Maria Elisa Gualandris

Pin It

GUARDA LA TV LIVE (2)

Ultime news

Giovedì, 20 Febbraio 2020
Cena benefica con delitto
Giovedì, 20 Febbraio 2020
“Lago d’Orta Plastic Revolution”

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa