logo1

Arona, movida: la posizione del gruppo "Lago della bilancia"

 

Il portavoce Carlo Intelisano punta il dito non solo sulla movida notturna ma anche verso quella diurna, <Soprattutto quando sono attirati dall’organizzazione di eventi con finanziamenti pubblici - dice- . Nessuno auspica una città dormitorio, ma una gestione dove prevalga il buon senso>

A seguito delle nefaste conseguenze della movida ad Arona, c’è da registrare la nascita di un gruppo spontaneo che si è dato il nome de ”Lago della bilancia”. Scontato il nome Lago per indicare il territorio, ma l’aggiunta “della bilancia” fa presupporre che questo insieme di aronesi si ponga tra il Candidato Monti-Gusmeroli e il gruppo di Giovanni La Croce, candidato a sindaco per tutti gli altri.  Portavoce è Carlo Intelisano, residente nel rione Tre Ponti, che annuncia: <Ci proponiamo di fornire idee per Arona. Equità tra le parti e l’assenza di partiti o interessi personali, solo idee concrete, le nostre finalità. Registriamo atti di vandalismo, giovani ubriachi, sporcizia che i netturbini devono rimuovere, l’impossibilità di transitare, in assenza di ztl, sul lungolago davanti ai locali a causa della presenza di centinaia di giovani con bicchieri e bottiglie di alcolici in mano>. Intelisano aggiunge:<L’amministrazione sotto la guida di un ex comandante dei vigili urbani di Milano, assessore di grande esperienza, non ha dato grandi risultati, si registrano poche sanzioni, come per la ritardata chiusura dei locali, per bottiglie da asporto, alcol somministrato ai minori e via via. Ricordiamo che gran parte dei giovani giungono da fuori città e sono gli aronesi a subire il disagio e a pagare i costi con le tasse. Servono, sociologi, psicologi per analizzare il problema? Merita qualche osservazione anche la “movida diurna”, ovvero le migliaia di forestieri che durante i fine settimana invadono Arona, soprattutto quando sono attirati dall’organizzazione di eventi con finanziamenti pubblici. Nessuno auspica una città dormitorio, ma una gestione dove prevalga il buon senso>.

 

di Franco Filipetto

 

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa