logo1

Terme di Crodo. Incontro in Provincia

 terme crodo

I vertici del gruppo Royal Unibrew al tavolo convocato dal presidente Lincio hanno legato i livelli occupazionali all'andamento del mercato

Bilancio positivo per la danese Royal Unibrew, la società che ha rilevato dalla Campari lo stabilimento Terme di Crodo. E’ quanto ha riferito al tavolo ( convocato a metà novembre ) in Provincia, il numero uno della società leader in Europa nel settore soft drink. Tutto bene dunque ? Si ma con qualche riserva. Soren Lisbjorg ha anche evidenziato che i livelli occupazionali dello stabilimento antigoriano dovranno necessariamente tener conto dell’andamento del mercato e dunque della domanda. In suo sostegno è arrivato anche il responsabile della Campari. Il rappresentante del gruppo lombardo ha parlato di momento difficile per il settore delle bevande richiamando alla sugar tax e alla plastic tax a cui devono aggiungersi anche i dazi internazionali. C’è comunque la disponibilità del gruppo milanese a sostenere azioni volte ad aiutare le Terme di Crodo quando sarà operativo il trasferimento della produzione del Crodino. Le notizie arrivate dal fronte occupazionale hanno creato qualche timore fra i sindacalisti intervenuti alla riunione. I rappresentanti dei lavoratori hanno richiamato le parti agli impegni assunti all’atto della vendita della fabbrica ossolana sottolineando i termini dell’accordo che prevede il mantenimento – in Valle - delle linee produttive Campari soda e Crodino sino alle fine del 2020. Contestualmente il sindacato ha chiesto indicazioni circa le produzioni che dovranno rimpiazzare l’analcolico biondo. La provincia con il presidente Lincio ha garantito l’impegno del suo ente affinché la produzione del Crodino biondo rimanga legata all’acqua Crodo. Un tema caro anche Ermanno Savoia che, in sintonia con il clima di collaborazione ha comunque manifestato preoccupazione per il futuro del Crodino che è parte integrante della storia della Valle. All’incontro era presente anche Bruno Stefanetti, numero uno dell’Unione montana Alta Ossola.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa