logo1

Operazione Caterpillar, processo verso le battute finali

La Pm De Liguoro ha chiesto la condanna per tutti e 4 gli imputati. Il 17 aprile la parola passa alla difesa

verbania tribunale entrata

 

 

Richieste di condanna oggi in Tribunale a Verbania per i quattro imputati chiamati a rispondere del furto di una escavatrice Caterpillar e di un frantoio da una ditta di Villadossola, per un valore di 400 mila euro. Il colpo era stato messo a segno la notte del 16 giugno del 2017. I Carabinieri del Nucleo Investigativo a settembre dello stesso anno avevano messo a segno con l’”operazione Caterpillar” due arresti su ordinanza di custodia cautelare in carcere. La refurtiva era già stata recuperata. Il Caterpillar era stato trovato in un deposito a Cavaglià. Il numero di telaio era stato contraffatto, ma era stato identificato grazie al numero del motore. Il frantoio era invece al porto di Genova, pronto per essere caricato su una nave per la Tunisia. La pm Sveva De Liguoro  ha chiesto la condanna a 3 anni e 2 mesi per Angelo Romanello, di Como, considerato l’organizzatore del furto, 2 anni, 6 mesi e 20 giorni per Mario Nardi, di Lecco, e per Vasil Banev, titolare del deposito di Cavaglià e all’epoca dei fatti residente a Gravellona Toce, e 2 anni e due mesi per Andrea Mosetti, anche lui lombardo, per aver solo partecipato alla sottrazione. I difensori hanno sostenuto che i loro assistiti credevano che si trattasse di un trasporto e di un deposito nel caso di Banev lecito perché l’organizzatore di tutto sarebbe stato Romanello. La difesa di quest’ultimo parlerà il 17 aprile, quando è attesa anche la sentenza del giudice Rosa Maria Fornelli. 

 

M.e.g.

 

Pin It

GUARDA LA TV LIVE (2)

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa