logo1

Baveno, pronto il questionario per sondaggio popolare

 baveno questionario

Il consiglio comunale ha approvato nella seduta di giovedì le ultime modifiche.  La consultazione interesserà gli over 16 

Pronto il questionario da sottoporre ai cittadini over 16 di Baveno. Le ultime modifiche sono state approvate all’unanimità nel corso dell’ultima seduta del consiglio comunale. Il documento anonimo verrà spedito nelle case bavenesi probabilmente ad aprile. Oltre ad alcune valutazioni generali, nel questionario spiccano un paio di domande. La prima sull’ex scuola elementare nel centro di Baveno, oggi occupata da cinque classi dell’istituto alberghiero “Erminio Maggia”, ma nel futuro inutilizzata. “Chiederemo ai cittadini che cosa vorrebbero sviluppare all’interno della struttura” ha sottolineato l’assessore Emanuele Vitale, che ha seguito da vicino la stesura del questionario. Il secondo quesito interessante porrà al centro l’assistenza sociosanitaria degli anziani, dopo che è naufragata la possibilità di realizzare una nuova casa dell’anziano nel parco di Villa Mussi di Oltrefiume. “Avevamo ricevuto un’offerta da un privato ma avevamo richiesto degli adeguamenti che non sono stati accettati e così non siamo potuti andare oltre” ha precisato il sindaco Maria Rosa Gnocchi. Il sondaggio popolare richiederà alla popolazione bavenese quali sono le priorità per un miglioramento della vita degli anziani. Quattro saranno le opzioni: servizi residenziali alberghieri per persone autosufficienti, servizi sanitari protetti per persone non autosufficienti o parzialmente autosufficienti, servizi di assistenza domiciliare e soluzioni di social housing, ovvero di residenza attrezzata per persone in stato di bisogno e fragilità. La consultazione popolare è stata apprezzata anche dalle minoranze, rappresentate dai gruppi “Baveno Futura” e “Obiettivo Comune”. A proposito di quest’ultima lista si è verificata nell’ultima sessione una sostituzione. Si è dimesso Massimo Tamburini. Al suo posto Giulia Zanetta, che però non ha potuto presenziare per motivi di lavoro al suo primo consiglio comunale.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa