logo1

Barricato in casa a Stresa minaccia il suicidio

L’intervento dei Carabinieri ha fatto desistere l’uomo che è stato poi portato al Dea del Castelli

 
carabinieri
 
 
 
Si barrica in casa e minaccia di suicidarsi: intervento dei Carabinieri questa mattina a Campino, frazione di Stresa, in via Al Santo. Un uomo, classe 1973, ha chiamato il 118 dicendo di volersi togliere la vita. Subito sul posto sono arrivate due ambulanze e i Carabinieri della Stazione di Stresa. L'uomo era chiuso in casa e non faceva entrare nessuno. Dall'esterno si sentivano urla e rumori di oggetti lanciati. Nel frattempo tutti gli abitanti della frazione si sono radunati fuori dalla casa preoccupati, mentre il traffico della strada è stato bloccato. Dopo alcune trattative durate almeno mezz'ora, il quarantacinquenne ha acconsentito a far entrare in casa solo il comandante della Stazione di Stresa, il maresciallo capo James Lui e il suo vice, il maresciallo Stefano Giordano. Poi ha richiuso la porta. Alla fine l'uomo, che era visibilmente ubriaco e forse sotto effetto di altre sostanze, con un movimento improvviso ha afferrato un coltello, minacciando di tagliarsi le vene. I militari sono riusciti a immobilizzarlo, non senza fatica, dato che l'uomo è di corporatura piuttosto robusta, e a far entrare i sanitari del 118 che lo hanno sedato e trasportato al Dea del Castelli. L'episodio, senza l'immediato intervento dei Carabinieri, avrebbe potuto avere conseguenze ben più gravi. 
 
Maria Elisa Gualandris 
Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa