logo1

Fondazione Il Maggiore, oggi il riconoscimento dalla Regione Piemonte

Domani il CdA. Inizia una fase di transizione, il passaggio di consegne tra l'amministrazione comunale e il nuovo soggetto che continueranno a lavorare però in stretta collaborazione

verbania teatro maggiore

 

Da oggi è ufficiale: è arrivato dalla Regione Piemonte il riconoscimento della costituzione della Fondazione Il Maggiore, si occuperà della gestione del centro eventi. Domani pomeriggio la riunione del CdA, già fissato.

Il sindaco verbanese Silvia Marchioni spiega che, già necessariamente definita la prossima stagione teatrale con la direttrice artistica Renata Rapetti, ci sarà ora una fase di transizione, di passaggio delle consegne tra Comune e Fondazione anche se i due soggetti continueranno a collaborare strettamente, ricordiamo ad esempio che il personale impiegato è sempre quello comunale. <Nel giro di qualche mese è auspicabile anche l'ingresso di soci privati> ha aggiunto Marchionini.

Il consiglio di amministrazione della Fondazione è presieduto da Rita Nobile; con lei Paola Fornara e Roberta Costi. Tutte senza indennità. L'ingresso di tre soci privati comporterebbe un loro rappresentante nel CDA, se i privati fossero 5 o più i loro rappresentanti sarebbero 2. I soci fondatori sono Comune di Verbania e Regione Piemonte con un contributo di 250 mila euro ciascuno all'anno.

<La stagione costruita ricalca in parte le precedenti ma c'è una necessità di crescita nella quale credo molto,il cartellone di Renata Rapetti la rappresenta a pieno, con diverse cose nuove> spiega Rita Nobile, che con la sua squadra si appresta a dare prosecuzione a quanto fatto e ad utilizzare tutte le esperienze sin qui accumulate. La presidente della Fondazione parla di una struttura multiforme che può essere utilizzata in diversi modi, per ospitare accanto alle differenti forme d'arte anche convegni ad esempio, e poi si guarda allo sviluppo del bar e al futuro ristorante. Quest'ultimo dovrebbe essere aperto sia prima che dopo gli spettacoli serali. <Il Maggiore deve funzionare non per 365 ma per 460 giorni all'anno> chiarisce Nobile, puntanto quindi ad eventi in contemporanea e ad un'ampia funzionalità dei diversi spazi. Altri obiettivi, quelli di coinvolgere sempre più cittadinanza ed associazioni e di creare collegamenti con strutture artistiche nazionali ed internazionali.<Il teatro è stato inaugurato da 26 mesi ed ha raggiunto discreti livelli di partecipazione ed attività, deve crescere tenendo conto che si tratta anche di una struttura costosa> ha concluso la presidente.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa