logo1

Oltre 2000 persone ai funerali della famiglia Cecala

La città di Oleggio era vestitta a lutto. Il vescovo: <Bisogna costruire ponti sicuri di passaggio, di amicizia e di solidarietà. Le lacrime versate oggi, diventeranno perle preziose per tutte le nostre famiglie>

 
 
oleggio funerale bis
 
 
La città di Oleggio ha reso stamani l’estremo saluto alla famiglia Cecala, al padre Cristian, 43 anni, alla moglie Dawna Monroe di origini giamaicane, e alla piccola Crystal di nove anni.  Il clima tra la gente che affollava la chiesa dei Santi Pietro e Paolo era colmo di una forte commozione. Le tre bare allineate davanti all’altare maggiore. Quella di Crystal con un orsetto bianco posato dalle sue amiche; nei primi banchi i familiari e parenti dei Cecala e le tre sorelle della donna e il loro anziano padre. A presiedere la concelebrazione il vescovo della Diocesi di Novara, monsignor Franco Giulio Brambilla, al suo fianco don Gianluigi Cerutti, vicario episcopale per il clero, don Massimo Maggiora, parroco di Oleggio e don Claudio Vezzani della parrocchia di Bedisco, dove i Cecala abitavano. Tante autorità, il Prefetto di Novara, gli onorevoli Gaetano Nastri e Alberto Gusmeroli, e tanti gonfaloni di enti, Regione Piemonte, Provincia di Novara, comuni ed associazioni a presenziare al rito, ma soprattutto tanta gente comune di Oleggio e dei paesi limitrofi. Si calcola che oltre duemila persone abbiano seguito il rito. L’omelia è stata affidata a don Cerutti che ha affermato:<Per un viadotto che è crollato è nato un grande ponte, come quello della solidarietà, dei soccorsi. A tal proposito la famiglia vuol ringraziare i Vigili del fuoco, la Croce rossa e il sindaco di Oleggio Massimo Marcassa. Crystal con il suo sorriso è volata in cielo, con qual braccio verso l’alto, come quando si esibiva nel twirling. Lei amante della musica e della ginnastica>. 
Al momento del Padre Nostro il Vescovo ha voluto al suo fianco tutte le amiche di scuola e di sport della bimba, un momento toccante. Monsignor Brambilla ha poi lanciato un monito:<Bisogna costruire ponti sicuri di passaggio, di amicizia e di solidarietà. Le lacrime versate oggi, diventeranno perle preziose per tutte le nostre famiglie>.  All’uscita delle bare dalla chiesa è esploso un caloroso applauso, poi il lancio verso il cielo di palloncini bianchi, anche loro accompagnati dall’applauso di tutti i presenti.  Il sindaco Massimo Marcassa, ha detto: <Una grande perdita per la nostra cittadina, tutti gli abitanti presenti sono un segnale di coesione  e  solidarietà ai familiari. Tutte le attività hanno chiuso i battenti durante la celebrazione>. Ivana Vaccari, già campionessa italiana ed europea di Twirling, con Ketty Castellin, era l’allenatrice di Crystal della quale esalta le doti:<Una bimba adorabile, era con noi da tre anni, ma si era subito imposta per la sua simpatia e le sue capacità. Aveva già ottenuto la sua prima medaglia d’oro. A ottobre avrebbe partecipato a nuove competizioni. Ci mancherà molto, ma la ricorderemo con qualche iniziativa>.  
Le bare, poste sui tre carri funebri, sono proseguite per l’ara crematoria di Trecate. Le urne con le ceneri di Cristian, il papà, e della piccola Kristal saranno custodite nella tomba di famiglia al cimitero di Oleggio. Quelle di Dawna, la mamma, saranno portate a New York dove abitano gli anziani genitori e due delle tre sorelle.  E’ stato questo l’ultimo funerale delle 43 vittime del viadotto Morandi di Genova.
 
di Franco Filipetto
Pin It

GUARDA LA TV LIVE (2)

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa