logo1

Arona investe sulle spiagge

L'area del "Cit Bar" potrebbe diventare il nuovo polo balneabile

arona dallalto

 

L’area del “Cit Bar”, a lato della statale 33 del Sempione, potrebbe diventare il nuovo polo balneabile di Arona. Si trova a Nord della spiaggia delle Rocchette e alle porte della città per chi scende da Stresa. Sono stati emessi già due bandi, ma entrambi sono andati a vuoto.<L’Amministrazione comunale è disposta a fare un primo intervento di restauro per rendere più appetibile il sito – ha affermato il sindaco Alberto Gusmeroli -. Per questo siamo pronti a stanziare 400 mila euro per ristrutturare i due edifici e bonificare l’area dalle piante infestanti. Ci sono ancora persone interessate, ma se il tutto non andrà a buon fine partiremo con le opere>. Fino ad una ventina di anni fa il Cit Bar era gestito da privati che facevano pagare l’accesso in cambio di sdraio e ombrelloni, era dotato anche di un piccolo bar, di un trampolino per i tuffi e di un’area solarium in una distesa di sabbia finissima. La qualità delle acque è ancora oggi molto buona, come quella della adiacente spiaggia delle Rocchette. L’area demaniale può consentire la realizzazione di un piccolo parcheggio che potrebbe ospitare una trentina di auto, a lato dell’attuale stazione di sevizio. <Una volta recuperato, il centro diventerebbe la terza spiaggia balneare della città creando la continuità della spiaggia libera delle Rocchette – ha detto il Sindaco -. La Bandiera Blu che abbiamo ottenuto ci stimola a investire di più sulle potenzialità che il nostro lago ci offre>. Nelle intenzioni dell’mministrazione comunale c’è pure la volontà di rendere balneabile la spiaggia di corso Europa, a Sud della foce del torrente Vevera. Ora i dati dell’Arpa non sono incoraggianti, poi vi sono i fondali caratterizzati da insidiose buche che negli ultimi tre anni hanno inghiottito tre persone. L’assessore Federico Monti assicura:<Nel 2020 scade la concessione per le boe che potremmo rimuovere, se la condizione di balneabilità dovesse rientrare nelle norme previste siamo disponibili a dotare la spiaggia del personale di salvamento>.

 

di Franco Filipetto

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa