logo1

E' morto il cervo Gustavo

Era diventato la mascotte di Trasquera, da anni viveva nella stalla di Romeo. E' stato trovato esanime ieri a qualche centinaio di metri dall'abitato

 

gustavoGustavo non c'è più. L'amico di Romeo, il cervo più famoso d'Italia, è morto ieri. E' stato trovato esanime a poca distanza da quel paese, Trasquera, che da sette anni era diventato la sua casa. Era un animale molto vecchio Gustavo e certamente alla sua longevità hanno contribuito Romeo che lo ha accolto ed accudito con amore nella sua stalla, gli abitanti del paese – tutti l'avevano un pò adottato - , le cure veterinarie che aveva ricevuto.

Si è allontanato dall'abitato, spesso l'istinto degli animali li spinge ad esalare altrove l'ultimo respiro, ed è stato ritrovato da un contadino a circa 300 metri di distanza, sul sentiero che conduce a Iselle. Il suo amico a due zampe purtroppo non era con lui: Romeo in estate sale in alpeggio con la sua mandria, stavolta al suo ritorno non troverà il fedele ungulato ad aspettarlo.

Gustavo era diventato non solo la mascotte di Trasquera ma una vera e propria star, con mass media nazionali che avevano raggiunto la valle Divedro per raccontare del cervo che prima solo d'inverno e negli ultimi anni anche nella bella stagione aveva scelto di vivere in stalla, coccolato da Romeo, dagli abitanti della valle, dai tanti curiosi che salivano per incontrarlo, fotografarlo, lasciargli una mela o un pò di verdura. Appena si è diffusa la notizia della sua morte sui social si sono moltiplicati i saluti al cervo. Era diventato anche protagonista di una fiaba o meglio, in questo caso una fiaba vera era stata riportata sulla carta. Resta comunque il lieto fine di questa storia, con Gustavo che siamo certi rimarrà un pò nei cuori di tutti coloro che l'hanno avvicinato, in questi anni, accompagnati da Romeo che fieramente presentava il suo amico, quel cervo amato da un intero paese.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa