logo1

Nebbiuno, più di 200 mila euro di avanzo di amministrazione

I fondi verranno impiegati per abbellire il paese. Il sindaco Piaterra : " Sarà riqualificato l'ingresso del paese "

nebbiuno

 

E' di 244 934 l'avanzo di amministrazione del comune di Nebbiuno, soldi la cui destinazione è stata discussa in consiglio comunale. << L'amministrazione non dovrebbe avere un avanzo - ha spiegato Elis Piaterra, sindaco di Nebbiuno - in questo caso l'avanzo c'è, sono soldi relativi allo scorso anno che non siamo riusciti ad utilizzare perchè le certezze, purtroppo, si hanno solo alla fine. Si è sempre prudenti nell'impiegare le cifre e di conseguenza a fine anno non si riesce a spendere tutto per colpa dei vincoli e della burocrazia>>. Una cifra che sarà utilizzabile solo in parte nel rispetto dell'equilibrio finanziario e già individuate le priorità cittadine in cui investire: la riqualificazione dell'ingresso del paese e l' illuminazione pubblica. Si intende quindi realizzare un nuova organizzazione dei parcheggi e un abbellimento generale del luogo, con aiuole e verde. Dibattito sollevato invece per quanto riguarda l'illuminazione: << Ci sono delle parti del nostro paese molto buie, l'illuminazione è una necessità perchè di notte esse si trasformano in zone pericolose. Oltretutto ogni scelta deve essere presa considerando anche quello che è l'arredo urbano - ha spiegato Fabrizio Favino dall'opposizione -  l'invito è anche quello di fare una scelta che sia apprezzata nel tempo>>. A rispondere il sindaco Piaterra: << Le lanterne si sposano bene con il nostro ambiente ma purtroppo oggi la tecnologia non le supporta più. A volte è indispensabile un compromesso. Per l'illuminazione delle zone buie del paese provvederemo, l'esigenza per noi è rifare l'impianto e sicuramente terremo in considerazione l'immagine di Nebbiuno>>. In previsione anche il ripristino di alcune strade come Via Fiume a Tapigliano, la strada che porta a Campiglia e in programma anche la riqualificazione dei parcheggi di Corciago e Fosseno.  Giovanni Battista Bertoli, minoranza, sposta l'attenzione su un altro argomento: << Mi rivolgo ai più giovani dell'amministrazione: il nostro paese non possiede una Pro Loco anche se sul nostro territorio esistono alcune associazioni attive che però rimangono legate alla loro frazione di provenienza. Sarebbe bello invece che ci fosse una figura come la pro loco gestito da ragazzi, perchè non crearla?>>. A rispondere Martina Velo, consigliere comunale: << Abbiamo già provato a creare un'associazione che si occupasse del territorio: non è durata tanto. Questo perchè aggregare giovani per scopi benefici o legati al territorio è una cosa difficilissima>>.

Teresa Cioffi

 

 

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa