logo1

Dalla tarda mattinata di domani torna regolare il servizio della Ferrovia Vigezzina tra Domodossola e Locarno

 re vigezzina

In caso di ritardi, fanno sapere dalla direzione delle ferrovie, tempestiva comunicazione sul sito www.vigezzinacentovalli.com e sulla relativa pagina Fb. Intanto restano in valle rabbia e sgomento per la frana di Pasqua. Le salme delle due vittime sono state ricomposte all'obitorio del San Biagio di Domodossola

 

 

I treni della Ferrovia Vigezzina-Centovalli riprenderanno le loro corse regolarmente dalla tarda mattinata di domani 4 aprile anche sulla tratta internazionale Domodossola-Locarno e viceversa, con traffico regolare secondo l’orario pubblicato sul sito www.vigezzinacentovalli.com. In caso di ritardi nella riattivazione del servizio internazionale sarà data tempestiva comunicazione sia sul sito che sulla pagina facebook delle Ferrovia Vigezzina. L'annuncio da parte delle direzione delle ferrovie.

Per la riapertura della statale 337 invece i tempi si prevedono lunghi. Da ieri pomeriggio i rocciatori sono al lavoro in parete e sempre ieri sono stati effettuati ripetuti sopralluoghi sulla frana da parte dei tecnici, con l'utilizzo anche di un drone.  "Per la messa in sicurezza del pendio e la riapertura della strada si stima un intervento di circa 300 mila euro" spiega il sindaco di Re Oreste Pastore: questo è quanto emerso dalla lunga riunione tra i tecnici di ANAS, Regione e Comune. I rocciatori hanno comunque lavorato senza sosta anche oggi. "In particolare - precisa Pastore - è stata bonificata la parte alta del versante montano con il disgaggio del materiale instabile e nei prossimi giorni verranno posizionate delle reti molto più resistenti delle attuali".

 Intanto in Valle Vigezzo l'aria che si respira è intrisa di rabbia e sgomento, per la tragedia che a distanza di 24 anni dal dramma che l'11 novembre del 1993 costò la vita a tre giovani frontalieri, (con l'auto su cui viaggiavano, colpita in pieno da un grosso masso che si staccò dalla galleria di Olgia), ha visto ora morire in analoghe circostanze, il giorno di Pasqua, Marco Brignoli, 54 anni e la moglie Elena Maria Ausilia Scolari, 53. Le salme dei due coniugi di Minusio, in Canton Ticino, sono state ricomposte all'obitorio del San Biagio di Domodossola. Non è stata ancora fissata la data dei funerali, che potrebbero però essere celebrati, in Svizzera, già giovedì.
 
Marco De Ambrosis
 
Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa