logo1

Riduzione corse VCO Trasporti: insorgono i Giovani Democratici

Hanno chiesto una riunione urgente con l'amministrazione Marchionini e con il titolare del servizio per avanzare le loro richieste, sono soddisfatti delle risposte ricevute

pullman

 

Riduzione delle corse di Vco Trasporti: insorgono i Giovani Democratici, che hanno incontrato il sindaco Silvia Marchionini, l’assessore Laura Sau e il presidente Roberto Tomatis, ottenendo ciò che volevano. “Appena abbiamo saputo dei tagli ai trasporti pubblici - scrive in una nota il segretario Mattia Nobili -, ci siamo subito opposti e nei luoghi opportuni abbiamo portato avanti la nostra battaglia. Sappiamo tutti benissimo le difficoltà e il malumore di chi prende Vco Trasporti. Non è un servizio efficiente, e tagliare e disinvestire non lo renderà migliore”. Per questo i giovani dem hanno chiesto una riunione urgente. “L’amministrazione di Verbania ha dimostrato di essere un’amministrazione con la A maiuscola - scrive Nobili -, che rispecchia in pieno le nostre idee di  un governo di Sinistra in una città. Grazie alla collaborazione con questa amministrazione abbiamo ottenuto tutte le nostre richieste. Dopo Pasqua sarà rimessa almeno una delle corse serali soppresse, sarà Vco Trasporti a valutare quale reinserire. In estate, saranno ripristinate tutte le corse e in più saranno introdotte corse fino all'una di notte, da Verbania a Omegna e viceversa, il mercoledì, sabato e forse venerdì”. Inoltre, fa sapere Nobili, “Vco Trasporti lavorerà per far arrivare in orario (per quanto possibile) le corriere, soprattutto quelle che coinvolgono studenti e pendolari. Non possiamo permettere, che gli studenti arrivino in ritardo a scuola o che i pendolari perdano il treno” In conclusione, chiesto anche lo sviluppo di una app con tracking delle corriere e l’installazione di pensiline nel comune di Verbania con informazioni istantanee. Forte di quanto raggiunto, conclude Nobili: “Abbiamo ottenuto un grandissimo risultato, oserei dire un risultato storico. Continueremo nelle nostre battaglie, c’è ancora molto da fare. Regione e Stato devono investire sui trasporti pubblici, non possono lasciare cittadini e Comuni da soli. La nostra prossima battaglia sarà su Trenord”. 

 
 
Maria Elisa Gualandris 
Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa