logo1

25 aprile. A Omegna ricordate anche le vittime del Coronavirus

Nel pomeriggio il messaggio del sindaco e parroco alla città. Al termine è stata cantata Bella Ciao

Una cerimonia ristretta a pochi rappresentanti delle sezioni locali di ANA e ANPI ha caratterizzato la consueta deposizione di una corona d’alloro presso il monumento in Piazza ai Caduti di tutte le guerre, a Crusinallo, questa mattina alla presenza del Sindaco di Omegna Paolo Marchioni e del Vicario dei Laghi Don Gian Mario Lanfranchini.
Nel sottolineare come la nostra città e l’Italia intera sia ancora “nel pieno della battaglia”, il Primo Cittadino del capoluogo del Cusio ha rinnovato la volontà “di celebrare degnamente questa data, da ricordare come il giorno della liberazione da una dittatura feroce grazie ai tanti giovani che hanno perso la vita per donare la libertà di cui noi e i nostri figli beneficiamo oggi”.

Accorato e condiviso dai presenti il ricordo delle vittime dell’epidemia da Covid-19, che si contano anche nella nostra città.

Al termine della breve cerimonia, cui ha preso parte anche il Presidente del Consiglio Comunale, Tiziano Buzio, l’Assessore Comunale alla Cultura e all’Istruzione, Sara Rubinelli, insieme al Presidente ANPI Omegna e Cusio, Claudio Enrico Boldini, ha deposto una corona di fiori presso il monumento ai caduti sia lungolago Gramsci che presso il Cimitero Comunale di Omegna.

Oggi pomeriggio, alle ore 15, sempre in occasione della Festa della Liberazione, dal Campanile di Sant’Ambrogio e su Radio Spazio3 FM 96,00 ed FM 100,100, Don Gian Mario Lanfranchini e il Sindaco Marchioni diffuso un messaggio alla comunità.

Il coro Cui da la Pèscia ha intonato l’Inno del Congresso Eucaristico, l’Inno d’Italia e, dopo il Silenzio d’Ordinanza e un messaggio a cura del Presidente Boldini, è stata cantata Bella ciao, inno per eccellenza di chi ha saputo e voluto resistere agli oppressori.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa