logo1

Corte d'Appello di Torino respinge ricorso del Comune di Premosello-Chiovenda sul caso Parco Giochi

Il sindaco Monti afferma: "la sentenza va rispettata, ma non la condividiamo".

premosello ex parco giochi

 

La Corte D’Appello di Torino in data 17/10/2018, ha respinto il ricorso presentato dal Comune di Premosello-Chiovenda, in merito alla sentenza di I° grado riguardante la questione Parco Giochi in via Milano, di fatto confermando il contenuto del provvedimento del Tribunale di Verbania. Una sentenza cha va rispettata, ma che ovviamente non condividiamo. La domanda che viene spontanea è : cosa succede ora ?, nulla, il Comune puo’ valutare se fare o meno ricorso in Cassazione, oppure rinunciare, sara’ una valutazione che faremo nelle prossime settimane, unitamente ai nostri legali, nell’interesse dell’Ente. La questione parco giochi e’ stata superata da tempo avendo il Comune spostato lo stesso in altro luogo in modo definitivo, liberando l’area del contendere dalle giostrine, la fonte delle emissioni rumorose. L’area antistante all’Ospedale e’ pertanto un’area verde ad uso pubblico libera, disponibile a nuovi progetti che il Comune sta gia’ portando avanti da mesi. Il commento che ci sentiamo di esprimere sulla Sentenza, e’ sicuramente di delusione e di amarezza, lo spostamento di un parco giochi per bambini, che avviene perche’ le giostrine determinano disturbo, non dovrebbe far felice nessuno, chi gioisce per queste decisioni strumentalizzandole a scopi politici probabilmente non ha a cuore il bene dei cittadini. Nonostante questa ulteriore sentenza, siamo convinti piu’ che mai di aver fatto bene a non acconsentire a rendere la nostra bellissima area verde antistante all’Ospedale, nel centro del paese , in un carcere a cielo aperto, realizzando una recinzione avente un’altezza di due metri che avrebbe deturpato uno dei luoghi piu’ belli di Premosello Qualcuno in queste ore ci ha definito dei “dissennati”, degli “incompetenti demagoghi” e dei “giocatori d’azzardo”, non perdiamo tempo a replicare a questi signori, li lasciamo gioire per questa Sentenza, gli lasciamo il loro momento di gloria, visto che sono abituati a restare in letargo per mesi, per quanto ci riguarda lasciamo ai cittadini del nostro Comune, il giudizio del nostro operato nel bene e nel male e saranno loro che nel 2021 in occasione delle Amministrative ci bocceranno o ci promuoveranno, tutto il resto sono solo parole al vento. I nostri detrattori che oggi sono felici per questa sentenza per quanto ci riguarda non sono e non saranno mai dei nostri interlocutori con cui parlare e confrontarci . Per corretta e trasparenza verso i cittadini informiamo che le spese legali in capo al Comune per i due gradi di Giudizio, per una causa non promossa dall’Ente, ma subita, al netto dei rimborsi da parte delle Assicurazioni ammonta ad €. 45.135,09 cosi’ suddivise: A. Anno 2014 (inizio causa –mediazione) € 982,80 B. Anno 2016 (C.T.U e C.T.P. I° Grado) € 5.297,25 C. Anno 2017 (C.T.U., C.T.P., legale di controparte, legale Comune e risarcimento) , al netto del rimborso assicurazione pari ad € 15.949,51 € 29.203.86 D. Anno 2018 Sentenza II° Grado al netto del rimborso dell’assicurazione € 9.652,08 Oggi si registra un ulteriore capitolo di una pagina triste per il Comune di Premosello-Chiovenda, che riguarda dei bambini che con le loro giostrine creavano disturbo e sono stati obbligati a trovare un altro spazio per giocare all’aria aperta.

 

L’amministrazione Comunale di Premosello-Chiovenda

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa