logo1

Torino e il Piemonte protagonisti del Gusto

torino palazzolascaris

Comunicato Stampa - Torino e il Piemonte si confermano capitali internazionali del gusto: dopo la candidatura inviata lo scorso settembre, è arrivata l’assegnazione della finale europea del Bocuse d’Or dell’11 e 12 giugno 2018 alla città.

Torino, quindi, ospiterà la prossima edizione del più importante e celebrato premio di alta cucina, vero e proprio campionato del Mondo del settore.

Il Bocuse d'Or prende il nome dal suo ideatore, il francese Paul Bocuse, oggi novantenne, fra i più grandi chef del XX secolo (3 stelle Michelin per cinquant'anni col suo ristorante a Collonges-au-Mont-d'Or). Lanciato nel 1987, il concorso biennale propone un format ancor oggi rivoluzionario per l’ambito gastronomico, ispirato al modello dei grandi eventi sportivi, con 24 chef da altrettante nazioni che si confrontano in una spettacolare sfida culinaria, con tanto di pubblico e tifo sugli spalti. La sfida si tiene negli anni dispari a Lione, in occasione del Sirha, grande fiera professionale della ristorazione e della gastronomia, ma dal 2007 è preceduto da tornei di qualificazione continentali, organizzati negli anni pari: Bocuse d’Or Asia-Pacifico, America Latina e, naturalmente, Europa.

Il Bocuse d’Or, come sottolinea l’Assessore alla Cultura e al Turismo della Regione, rappresenta un importante riconoscimento che testimonia come il Piemonte possa essere una Silicon Valley del gusto, un polo cioè di eccellenza per l’enogastronomia. L’evento rappresenta inoltre un’opportunità che va oltre la competizione culinaria, già di altissimo livello, in quanto è un evento in grado di generare un interesse mediatico su scala mondiale, con notevole visibilità e ottime ricadute, in un’ottica di promozione e valorizzazione del patrimonio culturale, enogastronomico e turistico del nostro territorio. Il format della competizione offre una preziosa opportunità per far conoscere ai più grandi professionisti del settore i prodotti del nostro territorio. La gara prevede infatti che tutte le nazioni partecipanti – rappresentate da uno chef, un tutor e un commis – in 4 ore debbano creare un piatto di pesce e, con mezz’ora in più, uno di carne, il cui ingrediente di base è comune a tutti i partecipanti e viene scelto dal comitato organizzatore. Gli altri ingredienti vengono scelti dai concorrenti all’interno di un paniere che vede protagoniste le produzioni agroalimentari locali, che andranno a comporre le preparazioni valutate da una giuria composta da dodici chef e da un presidente.

Dopo la finale europea di quest’anno, ospitata a Budapest, Torino si appresta quindi a prendere il timone di questo straordinario evento: un risultato che, come dichiara l’Assessore al Commercio e al Turismo del Comune di Torino, riconosce e conferma a Torino e al Piemonte lo status di eccellenze in campo enogastronomico, ed è inoltre frutto di una proficua collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e al Turismo della Regione Piemonte e con Sviluppo Piemonte, che testimonia inoltre la volontà della nostra Amministrazione di proseguire nell'impegno di portare sotto la Mole eventi di prestigio e rilevanza internazionale. Siamo già al lavoro per organizzare iniziative da svolgersi prima e in concomitanza al Bocuse d'Or”.

Sul territorio regionale la preparazione a questo importante evento è anche l’occasione per approfondire il progetto per la creazione di un “Centro Nazionale per la Cucina di Eccellenza”: un luogo in cui il Team Italia possa prepararsi al meglio per le selezioni europee, disponendo non solo di attrezzature adeguate, ma anche di tecnici e collaboratori specifici. Luogo ideale per ospitare questa nuova istituzione è sicuramente il Castello di Roddi con la neonata Scuola di Cucina Terra: la struttura, come spiega Maria Elena Rossi, direttrice di Sviluppo Piemonte Turismo, è in grado di offrire locali già allestiti al meglio con tutti gli elementi tecnici necessari in grado di rendere questa iniziativa non solo un centro di addestramento, ma anche un luogo in grado di generare dibattito e cultura attorno ai temi principali legati all'enogastronomia di eccellenza.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa