logo1

Nasce il “Consorzio delle Residenze Reali Sabaude”

torino generica

Con la modifica dello Statuto del “Consorzio di Valorizzazione Culturale La Venaria Reale”, approvata stamattina dall’Assemblea dei Consorziati, si è ufficialmente costituito il nuovo “Consorzio delle Residenze Reali Sabaude”.

L'Assemblea dei Consorziati è composta da:

  • Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo

  • Regione Piemonte

  • Città di Venaria Reale

  • Compagnia di San Paolo

  • Fondazione 1563 per l'Arte e la Cultura

Il Consiglio di Amministrazione è composto da:

  • Paola Zini (Presidente)

  • Ugo Soragni, per il Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo

  • nomina da definire per la Regione Piemonte

  • Luca Remmert, per la Compagnia di San Paolo

  • Bernardo Bertolotti, per la Fondazione 1563 per l’Arte e la Cultura

Il Collegio dei Revisori dei conti è in fase di nomina.

Il Direttore del Consorzio è Mario Turetta.

L’istituzione del nuovo Consorzio pone le basi per l’avvio e lo sviluppo del Circuito delle Residenze Reali, fornendo gli strumenti per la sua gestione integrata e, in prospettiva, per la valorizzazione congiunta delle diverse Residenze ed attività culturali. Lo Statuto prevede inoltre la possibilità per soggetti pubblici o privati di aderire al Consorzio con convenzioni (generali o in riferimento ad aspetti specifici di gestione), o tramite il conferimento di beni culturali. La sede del Consorzio continua ad essere la Reggia di Venaria, che si candida a diventare capofila e “porta d’accesso” di un sistema di eccellenze storiche, architettoniche e paesaggistiche capace di proporsi come nuova meta del turismo culturale a livello internazionale Il nuovo Consorzio ringrazia tutti i Consiglieri e i Revisori dei conti della consigliatura uscente per il lavoro svolto e per il raggiungimento dei risultati ottenuti in questi due anni e mezzo di attività.

Dichiarazione della Presidente Paola Zini: «I dieci intensi anni di attività e valorizzazione della Venaria Reale sono stati il presupposto essenziale per il traguardo raggiunto oggi, creando di fatto le condizioni programmatiche ed amministrative per la costituzione del Consorzio delle Residenze Reali. Si apre adesso una nuova fase con un nuovo punto di partenza: la continua produzione culturale e la fornitura di servizi per l’intero sistema delle Residenze, saranno i nostri prossimi obiettivi da perseguire».

Dichiarazione dell’arch. Ugo Soragni per il Mibact: «Esprimo la viva soddisfazione del Ministero per la conclusione di questa prima fase di riorganizzazione del Consorzio, sulla base di un modello di gestione che lo stesso Ministero valuta positivamente e che dimostra la disponibilità dell’Amministrazione statale dei beni culturali ad utilizzare modelli amministrativi che la vedono partecipe ed indirizzata al cambiamento».

Dichiarazione dell’Assessore alla Cultura della Regione Piemonte, Antonella Parigi: «La nascita del nuovo Consorzio rappresenta un passaggio fondamentale per la creazione di un circuito delle Residenze Reali Sabaude, un progetto a cui crediamo fortemente e che è stato reso possibile dalla collaborazione di tutte le istituzioni coinvolte. Il nuovo ente potrà così rafforzare il sistema delle Residenze sul piano della valorizzazione culturale e della promozione turistica a livello nazionale e internazionale».

Dichiarazione del Direttore Mario Turetta: «Sono particolarmente compiaciuto per il raggiungimento di questo primo fondamentale obiettivo, per il quale ho lavorato assiduamente nel tempo, e che rappresenta la premessa indispensabile per nuovi traguardi, primo fra tutti la valorizzazione come sistema integrato delle nostre Residenze Reali. Ci aspetta adesso un lavoro altrettanto impegnativo, ma sono convinto che l’esperienza accumulata ed i risultati finora già conseguiti non possano che fungere da slancio per le prossime tappe».

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa